Resta sintonizzato

POLITICA

L’estate sta finendo anche per la politica Caivanese

Pubblicato

il

La vacanza è sacrosanta, le ferie sono un’istituzione che obbliga i lavoratori a goderne e i datori di lavoro a concederne un “tot” all’anno.
La premessa mi serve per evitare insulti dopo aver letto questo articolo.
Tutti, quindi, siamo costretti dalla legge a spiaggiarci o a trasformarci in montanari improvvisati per più o meno un mese, tutto compreso, perfino balli di gruppo ed escursioni a cavallo di poveri e inconsapevoli muli che continuano a chiedersi cosa hanno fatto di male per essere trattati così.
Ovviamente in vacanza ci vanno anche i politici che, spossati dal lavoro indefesso svolto per il bene della comunità, preferiscono mete più ambite, quelle a cui nessun comune mortale può avere accesso, quei posti dove solo per guardare il panorama devi calzare le mutande di Armani e i calzini di Dolce & Gabbana, altrimenti non sei nessuno.
In città, almeno in quelle d’arte, arrivano i turisti che amano i musei e le passeggiate sul lungofiume, cenare a lume di candela in finte coreografie medioevali e godersi una buona grappa trentina alle falde del Vesuvio.
Nelle periferie, invece, resta il solito tran tran dell’afa che si accanisce sui “poveri” poveri e sui disadattati dei suburbi.
Un po’ come a Caivano, dove la macchinosa macchina amministrativa ha concepito un’estate tutta nuova, all’insegna del “fanientificio” stile messicano che obbliga chi è obbligato a restare nella terra dei fuochi a sorbirsi gratuitamente, all’ombra dei fumi tossici, la sua razione quotidiana di veleni offerta dal politico che, nel frattempo, gode il suo meritato riposo a bordo di barche extralusso e musica ad alto volume.
Hanno il pollice verde e il culo di acciaio queste persone, amano la Sardegna o la Sicilia, Positano con la sua fantastica scogliera da dove è possibile inveire contro chi è più ricco di loro, l’incontaminata costa della Calabria che, poco ci manca, il mare potrebbe diventare invisibile da un momento all’altro tanto è trasparente.
Hanno il pollice verde e lasciano che l’erba cresca liberamente per le strade Caivanesi, davanti al Castello dove, se si vuole, si può raddoppiare la dose giornaliera di veleni respirando la polvere dell’amianto accumulato al suo interno.
Prima di partire, però, hanno curato di organizzare lo “spasso” per i cittadini meno fortunati, una bella passeggiata nella natura incontaminata dei marciapiedi che possono essere percorsi grazie all’aiuto di maceti per farsi strada tra la folta vegetazione, un divertimento senza fine.
Non voglio fare nomi, ma tra le pagine dei Social Network c’è tanto da vedere, tanto da invidiare a questi ricconi che, chissà come, chissà perché, continuano ad essere votati dalla stessa gente a cui vengono elargiti disservizi a iosa.
In certi casi non ci si può affidare neanche alla galanteria del tempo, a Caivano sembra essersi fermato, tra voto di scambio, feste dei gigli più o meno legali, #venerdiacasami e libri comprati nel bel mezzo delle vacanze. Il paese muore a se stesso, si contorce dal dolore per le pugnalate inferte alle spalle dagli amici degli amici, gentaglia che si mangia pezzi di storia e fette di territorio.
I Caivanesi sono schiavi di loro stessi, della loro mania di attendere il contraccambio per una croce sulla scheda elettorale, per un sussidio da pezzenti, per un gradino in più e una multa in meno.
Poveri illusi che attendono il miracolo della guarigione dopo la morte.
Noi attendiamo il ritorno di quelli che, sfumata l’euforia dei bagordi, richiederanno indietro quello che gli è stato tolto per il tempo delle elezioni, una segreteria di partito del PD, ad esempio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Anm, Manfredi: “L’azienda trasporta 40% dei viaggiatori in Campania. La Regione dia più fondi”

Pubblicato

il

“Dalla Regione Campania ci aspettiamo 6 milioni sui 10 che servono sulla Linea 6 ogni anno. Noi mettiamo 4 milioni, e dalla Regione ci aspettiamo sempre fondi, visto che trasportiamo con Anm quasi il 40% dei viaggiatori della Regione in generale”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi nel corso della presentazione della riapertura della Linea 6 della metropolitana di Napoli, dal 16 luglio, da Piazza Municipio a Fuorigrotta.

“Noi non abbiamo molti fondi ora – ha detto Manfredi – e malgrado questo Anm fa grandi sforzi. I fondi dovrebbero essere tutti prelevati dal fondo nazionale ripartito in via regionale. Il nostro sogno è che tutte le sere chiudiamo alle 2 di notte”.
Parlando del servizio di Anm, Manfredi sottolinea che “il trasporto pubblico di massa viene finanziato dai biglietti fino al 25-30%. Per potenziare il servizio abbiamo quindi bisogno di maggiori risorse, resta il problema dei contributi nazionali e come Anci abbiamo chiesto maggiori fondi per aumentare il trasporto del ferro“.

“Oggi – ha proseguito – il Comune di Napoli dà 50 milioni ad Anm prendendoli dal bilancio, abbiamo quest’anno aumentato da 48 a 50 milioni vedendo la riattivazione della linea 6. Quest’anno sappiamo che la Regione avrà 3 milioni in più e vogliamo quindi per il prossimo anno 3 milioni in più per Anm”.

Continua a leggere

Bagnoli

Meloni lunedì a Bagnoli, De Luca: “Mi aspetto che dica almeno un grazie per quel miliardo e duecento milioni”

Pubblicato

il

“Lunedì arriva a Bagnoli il presidente del Consiglio Meloni per siglare l’accordo per la riqualificazione di Bagnoli che sarà finanziata con i soldi del Programma di Coesione destinati alla Campania, 1,2 miliardi di euro. Non so cosa dire… Spero che l’on. Meloni dica almeno un grazie alla Regione Campania per quel miliardo e duecento milioni”.

Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso dell’appuntamento settimanale sui social in vista della visita del premier in programma lunedì per la firma dell’accordo per Bagnoli.
“Fitto – ha sottolineato De Luca – dice che sono fondi del bilancio nazionale e vorrei vedere… Ma con quei soldi avevamo previsto di pensare tutta una serie di opere nei comuni della Campania che adesso resteranno al palo”.

“Benissimo – prosegue De Luca – abbiamo accettato anche questo, nessun problema, pur di firmare il Programma di coesione e invece ci chiedono altri passaggi coi ministeri. E allora perché non si firma l’accordo di coesione sottoponendo Campania, Sardegna e Puglia a procedure non utilizzate per le altre regioni?”.

Continua a leggere

POLITICA

Meloni lunedì a Napoli per firma protocollo su Bagnoli, Manfredi soddisfatto: “dopo 30 anni restituiremo un pezzo di città”

Pubblicato

il

La firma del protocollo d’intesa su Bagnoli, finanziamento da 1,2 miliardi per i lavori all’ex luogo Ilva, tra la premier Giorgia Meloni e il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, sta per arrivare: è in programma per lunedì prossimo, 15 luglio, alle 11.30.

In particolare, si apprende dal Comune, la presidente del Consiglio sarà alle 11.30 all’Auditorium di Porta del Parco a Bagnoli (in via Diocleziano 341, Napoli) per la sottoscrizione del Protocollo d’intesa con il sindaco Manfredi, che è il commissario straordinario di Governo al Sin Bagnoli-Coroglio.

Il proocollo punta alla “celere realizzazione degli interventi inseriti nel programma di risanamento ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio”.

Le parole del sindaco Manfredi al riguardo: “Abbiamo individuato una strada molto precisa, abbiamo la copertura di tutti gli interventi, abbiamo tutti i progetti che o sono già pronti o sono in fase di autorizzazione nella fase finale, quindi mi sembra un percorso che finalmente ci consentirà di dare dei tempi certi e una prospettiva sicura alla bonifica di Bagnoli e alla realizzazione di infrastrutture per restituire dopo 30 anni un pezzo di città a Napoli e alla Campania”. “Penso che questa – aggiunge – sia la volta buona, perché noi abbiamo applicato un metodo per poter realizzare quello che ci aspettiamo.”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy