Ieri lo psicoterapeuta Francesco Raia ha testimoniato durante l’udienza del processo per l’omicidio di Giuseppe Dorice, il bimbo di 7 anni ucciso dal patrigno a Cardito.

Secondo le notizie riportate da Il Mattino, Raia, che si occupa di Noemi, sorella di Giuseppe, ha raccontato che la bambina nei giochi di ruolo faceva interpretare agli altri bambini il patrigno ed il fratellino ucciso dalle botte di papà Tony.

Infine, durante liti e screzi nella casa famiglia, pare che uno dei bambini abbia minacciato di uccidere la bambina. Noemi aveva risposto che il padre aveva già tentato di ucciderla.

LASCIA UN COMMENTO