Resta sintonizzato

Attualità

Zara. Oltre 100 assunzioni nella nota azienda. I requisiti da avere e come inviare la candidatura

Pubblicato

il

La notissima azienda Zara è alla ricerca di oltre 100 persone da assumere come addetti alle vendite.

Zara è una delle principali società di moda internazionale che offre nuove opportunità di lavoro ogni giorno, ed ora in Italia è alla ricerca di oltre 100 persone da assumere come Addetti alle Vendite, i quali dovranno fornire un alto livello di servizio al cliente, supportare il team nelle diverse funzioni (assistenza al cliente, gestione della cassa, ricezione della merce ed altro), mantenere rifornito il punto vendita, tenersi sempre aggiornato sulle ultime tendenze della moda e,ovviamente, rispettare tutte le norme di salute e sicurezza.

I candidati devono essere in possesso di diploma, curiosi, motivati, dinamici, versatili, creativi, inarrestabili, intraprendenti, proattivi e disponibili a lavorare part-time su turni flessibili.

Zara fa parte di Inditex, uno dei maggiori gruppi di distribuzione al mondo fondato in Spagna nel 1975 e del quale fanno parte altri marchi di moda tra i quali Stradivarius, Pull&Bear, Bershka, Oysho e tanti altri, dove lavorano oltre 174 mila persone.

Se si è dunque appassionati di moda, creativi e si riesce a lavorare in un ambiente sempre frenetico è questo il posto giusto cui inviare la propria candidatura.

Le responsabilità di un assistente alla vendita sonno: fornire un alto livello di servizio al cliente; supportare tutto il team nelle diverse funzioni (dall’assistenza al cliente alla cassa, dalla ricezione della merce al camerino); mantenere rifornito il piano vendita, incluse le operazioni di magazzino; tenersi sempre aggiornati sulle ultime tendenze della moda; rispettare tutte le norme di salute e sicurezza e supportare i colleghi in caso di bisogno.

Durante l’esperienza da Zara si imparerà a fare squadra; a capire ed aiutare anche il cliente più esigente; a lavorare a ritmi elevati e in situazioni complesse, in modo efficiente ed efficace; a conoscere capi, tessuti, vestibilità e le ultime tendenze.

I requisiti da avere se si vuole entrare a far parte di questo mondo sono: diploma di scuola secondaria e disponibilità a lavorare part-time durante il periodo estivo (dalle 18 alle 30 ore settimanali) e su turni flessibili dal lunedì alla domenica tra le 7 e le 23, in base agli orari di apertura del punto vendita.

La candidatura va inviata su inditexcareer ed inserendo tutti i dati richiesti sarà molto semplice entrare a far parte di uno dei più noti marchi di moda in tutto il mondo.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Malato di Alzheimer dimentica di essere sposato e chiede la mano alla moglie: l’amore vero non sbiadisce

Pubblicato

il

L’amore vero non si dimentica, resta e sopravvive allo scorrere del tempo. E’ questo quello che ha dimostrato una coppia del Connecticut.

Lui malato d’Alzheimer aveva dimenticato tutto, persino di essere sposato, ma non i sentimenti provati nei confronti dell’amata.

Erano nella loro casa di Andover quando, una sera come tante altre, mentre stavano guardando la TV Peter ha fissato Lisa e le ha chiesto la mano.

A un tratto sullo schermo è apparsa la scena di un matrimonio. «Facciamolo!», ha detto Peter. «Facciamo cosa?», ha risposto Lisa. Sorridendo dolcemente, lui ha indicato il programma in onda. «Vuoi che ci sposiamo?», ha quindi chiesto lei. «». A

quel punto tutto è stato chiaro: l’uomo, che ha 56 anni e convive dal 2017 con una severa forma di Alzheimer precoce, si era completamente dimenticato delle nozze di dodici anni fa. Evidentemente però i suoi sentimenti più profondi nei confronti di Lisa non erano mai svaniti, da qui la necessità di una (nuova) proposta. E poco importa se il giorno dopo, come purtroppo prevedibile, se n’era già dimenticato.

In un primo momento la donna, per quanto commossa, non aveva dato seguito alla richiesta. A partire da gennaio le condizioni del marito hanno però iniziato a peggiorare a vista d’occhio: era il momento di rinnovare le promesse nunziali, ma per Peter sarebbe stato come la prima volta.

La figlia Sarah, che lavora come wedding planner, si è quindi offerta di organizzare l’intera cerimonia, poi svoltasi di fronte ad amici e parenti lo scorso 26 aprile.

Dal fioraio al sassofonista, fino ai proprietari della vecchia cartiera di Holyoke (Massachusetts) scelta per ospitare l’evento: nessuno ha fatto mancare la propria solidarietà, mettendosi a disposizione gratuitamente per regalare ai coniugi Marshall una giornata indimenticabile (è proprio il caso di dirlo).

A immortalarne gli istanti più significativi, un emozionante video YouTube e le tante fotografie condivise su Facebook dalla pagina Oh Hello Alzheimer’s, aperta dalla stessa Lisa per fornire aiuto e consigli ai tanti caregiver nella sua stessa situazione.

«Non so chi io sia per lui ora, ma so che mi ama e che con me si sente al sicuro. Quando l’autobus lo riporta a casa ogni giorno dal centro di assistenza diurna, ci sediamo in veranda per un’ora e ci teniamo per mano» ha spiegato Lisa al Washington Post.

Spiegando poi «Ho sempre fatto del mio meglio per restare positiva ed essere focalizzata su su un giorno alla volta. Il mio mantra è sempre stato quello di non avere rimpianti».

Sacrifici ampiamente ripagati da una frase che Peter le ha sussurrato all’orecchio proprio dopo averle detto nuovamente «», mentre ballavano insieme sulle note della loro canzone preferita, «Brown Eyed Girl» di Van Morrison: «Grazie di essere rimasta».

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Chiude il Centro Vaccinale del Museo Madre

Pubblicato

il

A partire da mercoledì 23 giugno il Centro Vaccinale Museo Madre sarà chiuso definitivamente. La decisione è stata presa dalla Direzione Strategica della ASL Napoli 1 Centro alla luce del mutato contesto epidemiologico.

«Per diversi mesi, parte del personale ASL Napoli 1 Centro è stato impegnato nel mandare avanti il centro vaccinale Museo Madre, un centro vaccinale che è stato cruciale per raggiungere i concittadini residenti nel cuore di Napoli e non solo. Oggi, alla luce di una campagna vaccinale adeguata al contesto epidemiologico molto cambiato, abbiamo deciso di chiudere questo centro vaccinale. Nel farlo, sento l’obbligo morale di ringraziare le donne e gli uomini che ci hanno consentito di raggiungere l’importantissimo obiettivo che la Regione ci ha assegnato per la salute dei nostri concittadini. Lo stesso ringraziamento lo rivolgo naturalmente alla presidenza del Museo Madre, che ci ha ospitato, e a quanti sono tutt’ora impegnati nei nostri centri vaccinali che non solo restano aperti, ma che anzi sono chiamati ad uno sforzo ancora maggiore» ha affermato il direttore generale dell’ASL Napoli 1 Centro, Verdoliva.

«Come museo della Regione Campania siamo orgogliosi di aver contribuito alla missione indispensabile di un centro vaccinale nel nostro quartiere che ha consentito a tanti concittadini, che con difficoltà avrebbero raggiunto altre sedi, di vaccinarsi speditamente. Ora, in una situazione di maggiore serenità, siamo lieti di riaprire il nostro ingresso principale e accogliere il pubblico. Speriamo che i molti che proprio negli ultimi difficili mesi hanno potuto conoscere un museo importante della loro città, possano tornarci per scoprire arte e bellezza del nostro tempo» ha affermato Angela Tecce, presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.

Dopo la chiusura del centro vaccinale sarà ripristinato l’ingresso per i visitatori da via Settembrini 79, tornerà visitabile l’opera di Daniel Buren allestita nell’atrio, e i percorsi unidirezionali di visita saranno rimodulati proprio a partire dal piano terra e dal lavoro ambientale dell’artista francese.

Gli Hub Vaccinali che resteranno aperti sono quello della Mostra d’Oltremare, Fagianeria del Real Bosco di Capodimonte, Stazione Marittima e Hangar Atitech di Capodichino.

Continua a leggere

Attualità

Bimbo di 2 anni scompare da casa: i genitori lo avevano messo a letto e non l’hanno più trovato

Pubblicato

il

Un bimbo di soli 2 anni è scomparso in provincia di Firenze nella notte tra lunedì 21 e martedì 22 giugno in località Campanara, nel comune di Palazzuolo sul Senio, comune in mezzo in mezzo ai boschi del Mugello.

I genitori, una coppia tedesca, hanno raccontato di averlo messo a letto ieri sera e di non averlo più trovato nel corso della nottata.

A portare avanti le ricerche ora ci sono vigili del fuoco e carabinieri. Secondo quanto emerso, la zona, dove vive una ristretta comunità di persone tra cui la famiglia del piccolo, sarebbe raggiungibile solo attraverso una strada sterrata.

Al momento l’ipotesi ritenuta più probabile è che il bambino, di 21 mesi, si sia allontanato autonomamente. La zona dove sorge il casolare è isolata, difficilmente accessibile e circondata da boschi.

Alle ricerche nella zona partecipano vigili del fuoco, carabinieri, soccorso alpino e volontari della Protezione civile.

Il territorio viene setacciato anche con un elicottero dei vigili del fuoco, con droni e con unità cinofile, sia con con cani molecolari che da ricerca. I sommozzatori stanno effettuando le ricerche anche in un laghetto nel territorio di Palazzuolo sul Senio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante