Era il 13 ottobre 2019 quando il pedofilo Richard Huckle venne ucciso nel carcere di Full Sutton in Gran Bretagna in un “attacco prolungato progettato per umiliarlo e degradarlo”. 

L’autore di quel gesto era il suo compagno di cella, Paul Fitzgeral, che nel corso del processo si è così giustificato. “Volevo che sentisse ciò che avevano provato quei bimbi”.

L’uomo aveva prima violentato e poi ucciso il compagno di cella Richard Huckle, un pedofilo che aveva abusato di almeno 200 piccole vittime.

Lo pugnalò e poi strangolò con un laccio. Ma prima, come riportato dal Daily Mirror, “per fargli provare quanto patito dai bambini”, lo stuprò con un utensile da cucina.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.