Resta sintonizzato

Cronaca

Piergianni muore in un tragico incidente in moto a 17 anni. La rabbia del papà: “Gliel’avevo regalata io!”

Pubblicato

il

Un drammatico incidente stradale si è verificato nel pomeriggio di ieri, mercoledì 30 giugno, a Padova, nel corso del quale ha perso la vita un ragazzo di soli 17 anni.

Si chiamava Piergianni Cesarato, figlio di una nota famiglia di imprenditori nel settore tessile della zona: secondo una prima ricostruzione di quanto successo un furgone gli avrebbe tagliato la strada mentre era a bordo della sua moto, una Yamaha 125 nera, all’altezza dell’incrocio con via Andrea Cesalpino.

L’impatto tra i due mezzi è stato talmente violento, che il ragazzo è stato sbalzato dalla sella della moto finendo sull’asfalto dopo un breve volo.

Sul posto sono subito giunti i soccorsi: i sanitari del 118 hanno provato a rianimare Piergianni per circa mezz’ora ma alla fine non c’è stato nulla da fare.

Terribilmente affranto il padre Nicola Cesarato, titolare della Gicipì, azienda di maglieria e intimo a Sarmeola di Rubano,  che una volta arrivato all’incrocio con via Cesalpino ha sfogato tutta la sua rabbia urlando: “È tutta colpa mia che gli ho regalato la moto, era la mia vita, voglio morire“.

Poco dopo insieme alla moglie è stato colto da un leggero malore e sono stati accompagnati in ospedale per accertamenti.

Tanti i messaggi di cordoglio pubblicati sui social per Piergianni, grande amante del basket, che aveva anche praticato con la maglia dell’Ardens Padova.

Motocicletta e furgone sono stati posti sotto sequestro per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Dai primi accertamenti sembra che il ragazzo stesse procedendo a velocità moderata. L’improvviso ostacolo che gli si è materializzato davanti sarebbe risultato fatale: non gli ha dato il tempo di tentare una manovra disperata.

Il conducente del furgone, un operaio di 47 anni che rischia di finire sul registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale, è stato portato negli uffici della Stradale in via Acquapendente dove è stato interrogato fino a tarda notte per chiarire la dinamica del sinistro.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Tragedia in ospedale, trovati due operai morti congelati in un deposito di azoto

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta presso l’ospedale Humanitas a Pieve Emanuele, nel milanese, dove due operai, sono stati trovati morti all’interno di un deposito di azoto. A dare la notizia, i Vigili del Fuoco, che riferiscono di come due lavoratori di una ditta esterna, siano deceduti a causa di ustioni da congelamento. Tuttavia, le cause, sono in via di accertamento. Sul posto, il personale del 118, i Vigili del Fuoco, i carabinieri e la Polizia locale.

Continua a leggere

Cronaca

Caserta. Vigilessa indagata: avrebbe sottratto 54mila euro dai pagamenti delle multe

Pubblicato

il

NAPOLI – La Procura di Santa Maria Capua Vetere ha firmato l’atto di conclusione delle indagini e ora l’agente della Polizia Municipale di Maddaloni rischia il processo.

L’ipotesi di reato è quella di falso in atto pubblico. Il Comune ha comunicato che si costituirà parte civile in un eventuale procedimento ai danni della donna.

Stando alle ricostruzioni, la vigilessa si sarebbe infiltrata nel sistema informatico del Comune per modificare le ricevute di pagamento, intascando così i soldi.

I cittadini ignari, credevano di aver saldato il loro debito con l’Amministrazione comunale, mentre l’agente della Municipale riceveva il loro denaro. La donna ora rischia di finire sotto processo.

Continua a leggere

Cronaca

Sorrento: turisti inglesi ubriachi bloccano il treno della circumvesuviana

Pubblicato

il

NAPOLI – Nella serata di ieri un gruppo di turisti inglesi avrebbe bloccato il passaggio di un treno della circumvesuviana a Sorrento. I fatti sono stati raccontati in prima persona da Umberto De Gregorio, Presidente dell’Eav, sui social.

Ieri sera – spiega il presidente – si viene contattati da un capotreno fermo alla stazione di Sorrento che ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine in quanto un gruppo di turisti inglesi in stato di ebrezza stava recando disagio all’interno del treno“.

Abbiamo contattato quindi i Carabinieri preposti alla zona – prosegue – i quali hanno assicurato di inviare in loco una pattuglia. Poco dopo il capotreno riferisce che i Carabinieri giunti in stazione hanno provveduto a risalire alle persone su indicate, gli stessi sono stati allontanati dal treno che ha potuto finalmente partire” .

I turisti sono stati trattenuti in stazione dai Carabinieri per ulteriori controlli e poi trasportati in caserma in stato di fermo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante