Resta sintonizzato

Attualità

Notte di San Lorenzo a Napoli: cosa fare in città nella notte di stelle cadenti, desideri e sogni

Pubblicato

il

“Se esprimi un desiderio è perché vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perché stai guardando il cielo, se stai guardando il cielo è perché credi ancora in qualcosa” (Bob Marley)

Tra stelle cadenti, desideri e sogni la notte di San Lorenzo è tra le più attese dell’anno. C’è chi da inguaribile romantico la trascorrerà in coppia, chi un po’ cinico fingerà di non ricordarla ma poi finirà per dedicare anche solo uno sguardo al cielo stellato e chi la attende con ansia con il cuore colmo di speranza…

Le lacrime di San Lorenzo si potranno osservare ad occhio nudo ma ci sono anche dei gruppi che nella magnifica Partenope, avvalendosi di telescopi pubblici, si lasceranno incantare dalla scia delle Perseidi.

I luoghi ideali sono quelli più in alto: il Vesuvio, i Camaldoli, San Martino, Posillipo.

L‘Unione Astrofili Napoletani ha organizzato una serata al Lido Giallo di Varcaturo. Qui, con ingresso libero, sulla spiaggia si potrà ammirare lo spettacolo delle stelle nella Notte di San Lorenzo grazie anche ai telescopi presenti.

Tra gli altri eventi in programma, c’è anche la Notte di San Lorenzo sul Vesuvio, che proseguirà poi fino a venerdì 13 agosto. Il percorso inizierà in contrada Osservatorio 55 ad Ercolano, a partire dalle 18.45: da qui si andrà al Rifugio Imbò e poi si attraverserà Valle delle Ginestre, conosciuta anche come Valle dell’Inferno, lungo il monte Somma. Un percorso complessivo di 4,5 chilometri per 3 ore circa di cammino. Il prezzo del biglietto è di 20 euro per gli adulti, 10 per i bambini dai 10 ai 14 anni.

Anche il litorale flegreo è uno dei posti preferiti per godere della pioggia di Perseidi. Da Pozzuoli al Monte di Procida, passando per Bacoli e Baia, ci sono decine di spiagge dove guardare le stelle, su tutte il Lago D’Averno, le porte degli inferi per gli antichi greci, dove decine di persone si posizionano per passare la notte di San Lorenzo, sospesi tra cielo e leggenda.

Non lontano dal lago d’Averno, inoltre, c’è uno degli eventi più suggestivi per la notte di San Lorenzo, il Falò di San Lorenzo. Proposto e organizzato da Travelers and the City in collaborazione con Visit Naples, che al Nabilah nei pressi di Bacoli, offre uno degli eventi più suggestivi e magici dell’anno. L’evento richiama una delle più antiche tradizioni dei popoli che abitavano queste zone, ossia quella dell’accensione di un falò per propiziare la pioggia di meteore della costellazione di Perseo. Storia, leggenda, astronomia ed antichità si fondono così insieme da secoli in questa notte magica

La Notte di San Lorenzo è il nome dato dalla tradizione cattolica all’attraversamento dello sciame meteorico delle Perseidi alla Terra, che avviene in questo periodo dell’anno.

Secondo il calendario cattolico Lorenzo, uno dei sette diaconi di Roma, venne ucciso il 10 agosto del 258 d.C., in seguito all’editto dell’imperatore Valeriano che condannò a morte tutti i cristiani.

La tradizione cattolica paragonò poi tempo dopo le stelle cadenti che tutti gli anni in quei giorni cadevano alle “Lacrime di San Lorenzo”, e da allora ne presero il nome, andando a sostituire le tradizioni romane: anticamente infatti si riteneva che lo sciame meteorico fosse una pioggia di liquido seminale del dio Priapo, che con questo gesto fecondava i campi.

L’assonanza tra Lorenzo e la dea Acca Larenzia, che invece i romani festeggiavano il 10 agosto, fece sì che la “sostituzione” della credenza religiosa fosse per i cristiani più semplice, e lentamente la storia di San Lorenzo finì col sostituire quella di Priapo e di Acca Larenzia.

Ma perché si esprimono i desideri la notte di San Lorenzo? Fin dall’antichità si riteneva che il destino degli uomini fosse scritto nelle stelle. Stelle che potevano essere osservate nel cielo al momento della nascita di un bambino. Tuttavia, quando una stella cade ciò significa che il destino non è più scritto e quel bambino, divenuto uomo, può veder cambiato il proprio futuro. Per questo motivo, chi vede una stella cadente ha il diritto di esprimere un desiderio riguardo il proprio futuro. La speranza è che la “caduta” di quella stella possa dare la possibilità di cambiare il proprio destino e realizzare un sogno.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Prima ruba al supermercato e poi aggredisce il proprietario

Pubblicato

il

Episodio di follia avvenuto nella giornata di ieri a Napoli, presso la Stazione Centrale, dove una donna di 45 anni, originaria di Biella, è stata arrestata per furto e lesioni personali. Secondo le prime informazioni, la donna, ha prima rubato alcuni generi alimentari da un supermercato all’interno della stazione e poi, una volta scoperta dal proprietario, che ha tentato di bloccarla, lo ha aggredito con calci e pugni. Tuttavia, gli agenti della Polfer, sono riusciti a placare la sua ira e a bloccarla. Pertanto, una volta arrestata, è stata condotta in Questura in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Attualità

Trasformano la casa in una vera e propria piazza di spaccio: arrestata coppia di nigeriani

Pubblicato

il

I carabinieri della stazione di Casal di Principe, hanno tratto in arresto ieri sera, due cittadini nigeriani di 48 e 45 anni, in una casa di via Circumvallazione. In particolare, i due, sono stati trovati in possesso di circa 54 grammi di marijuana divisi in 30 dosi e più di 900 euro in contanti. Gli agenti, hanno scoperto che l’abitazione, di proprietà di una cittadina di Casal di Principe, era stata regolarmente locata ad una cittadina nigeriana da tempo irreperibile, la quale aveva poi consentito di occupare ad altri suoi connazionali. Pertanto, gli arrestati, sono stati trasferiti presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Continua a leggere

Attualità

Tentata rapina alla Circumvesuviana, passeggero aggredito con calci e pugni: 31enne arrestato

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, hanno tratto in arresto questa mattina un 31enne del posto, con l’accusa di tentata rapina. Le indagini, hanno consentito di individuare l’uomo, come presunto autore di una tentata rapina, commessa a bordo di un treno della Circumvesuviana ai danni di un passeggero. In particolare, la vittima, sarebbe stata prima minacciata verbalmente e poi colpita ripetutamente con calci e pugni al volto. Tuttavia, nonostante i colpi ricevuti e l’insistenza del rapinatore nel chiedergli il portafoglio, la vittima lo costrinse a scappare. Pertanto, dopo la denuncia, gli inquirenti hanno analizzato con attenzione i filmati della videosorveglianza, riuscendo a ricostruire l’accaduto e a risalire al responsabile. Inoltre, l’arrestato, già noto alle forze dell’ordine, è stato anche riconosciuto dalla vittima ed è stato trasferito presso il carcere di Poggioreale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante