CAIVANO – Il paradosso è già che si debba parlare di Forza Italia che tenta di fare lo sgambetto al sindaco perché vogliamo ricordare ai meno attenti alla cosa pubblica che Forza Italia è lo stesso partito al quale apparterrebbe il sindaco e già su questa cosa Caivano detiene il primato delle stranezze, ma veniamo al dunque: nella giornata di ieri su “Il Giornale di Caivano” blog del giornalista Pasquale Gallo, appare un articolo riportante una diffida che il partito azzurro ha redatto all’indirizzo del primo cittadino, circa alcuni documenti richiesti inerenti le modifiche apportate il bilancio stabilmente riequilibrato, articolo che potete leggere qui.

Entrando nei meriti dell’articolo, i quattro consiglieri di Forza Italia, sempre gli stessi, i dissidenti, firmatari del documentano lamentano la scarsa trasparenza di quest’amministrazione, poiché la stessa non ha messo a conoscenza, in Consiglio, quali fossero le modifiche al bilancio che il Ministero ha chiesto e che gli stessi firmatari non sono stati presi neanche in considerazione su una richiesta formalmente, da loro scritta, il 26 Giugno scorso.

Tutto questo parrebbe lecito agli occhi dei più se a fare tali affermazioni fosse un cittadino normale che non è a conoscenza di quel po’ di diritto amministrativo che un consigliere, si presume, dovrebbe conoscere. Per prima cosa, se quest’ultimo documento non fosse stato redatto al solo scopo di strumentalizzare ancora una volta, in negativo, la figura del primo cittadino, i quattro consiglieri firmatari e dissidenti, sempre attenti a quello che scrive Minformo, non a caso, proprio pochi giorni fa abbiamo pubblicato una loro smentita inviata alla nostra casella di posta elettronica, avrebbero dovuto sapere, attraverso il nostro articolo, che il sindaco Monopoli insieme all’assessore al bilancio (quest’ultimo fortemente voluto dal dissidente Gaetano Ponticelli) il 14 Giugno, ovvero due giorni prima della scadenza, si sono recati a Roma a consegnare di persona al Ministero, tutte le modifiche richieste al Bilancio stabilmente riequilibrato. Se non fosse strumentale quel documento, i consiglieri firmatari e dissidenti avrebbero dovuto sapere che il Prefetto non può essere al corrente degli spostamenti del sindaco Monopoli e in vista della scadenza, un avviso dalla Prefettura parte in automatico, un po’ come avviene con la cartolina spedita dall’agenzia assicurativa quando sta per scadere la polizza RCA sulla tua auto.

Ma soprattutto, se i consiglieri firmatari e dissidenti non avessero scritto e pensato quel documento in maniera strumentale e se gli stessi consiglieri avessero agito solo ed esclusivamente per il bene pubblico, siccome il ruolo principale di un consigliere è quello del controllo, si sarebbero seduti davanti alla scrivania del Responsabile al ramo e avrebbero chiesto tutta la documentazione, protocollata in segreteria, presentata al Ministero quel famoso 14 Giugno e visionarla con tutta calma. Si, perché prima di portarla al Ministero, il sindaco e l’assessore erano obbligati a protocollarli nella segreteria comunale, per rendere quelle scartoffie documenti pubblici. A differenza di un cittadino normale che per ottenere la visione di un documento pubblico deve presentare istanza di accesso civico, il consigliere comunale ha diritto di prelevare e fotocopiare tutti i documenti pubblici che vuole, proprio per espletare ai massimi livelli il suo ruolo di controllo.

Oltretutto, c’è da dire un’altra cosa, i documenti presentati al Ministero quel famoso 14 Giugno, in realtà non sono vincolati da un obbligo di approvazione del Consiglio comunale, poiché per un comune in dissesto, il bilancio deve essere approvato solo ed esclusivamente dal Ministero degli Interni che è l’organo sovracomunale più alto in carica, tanto è vero che da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, lo stesso Ministero pare che per la fine del mese di Settembre si esprimerebbe anche in maniera favorevole al bilancio presentato da questo esecutivo. Solo allora, ovvero dopo l’approvazione, il sindaco è tenuto a portare il bilancio approvato in Assise pubblica e presentarlo al Consiglio e alla cittadinanza, e in quel caso i consiglieri non devono fare altro che ratificare, prendere atto di tutto, proprio perché il bilancio è stato approvato dal più alto in carica in Italia.

Detto ciò se non si vuole pensare che quel documento apparso su “Il Giornale di Caivano” non sia solo un altro modo per destabilizzare l’assetto politico caivanese, in alternativa si può pensare che in realtà i quattro consiglieri non fossero a conoscenza dell’iter burocratico da seguire in questi casi e di essere totalmente a digiuno sulla differenza che passa tra quello che impone il diritto amministrativo e quello che dice il D. Lgs. 267 del 2000. Siccome noi di Minformo siamo molto attenti sulle vicende giudiziarie e amministrative, amiamo sempre illustrare la verità dei fatti ed è solo un caso che la verità negli ultimi tempi giochi a favore del primo cittadino, anche perché se poi diventa un caso cronico, allora vuol dire che davvero la classe dirigente che circonda Monopoli è di bassissimo livello e allora vuol dire che Monopoli sarà costretto a formare meglio i suoi consiglieri di maggioranza e a mandarli di nuovo a scuola se non vuole essere di nuovo bersaglio di tanto fango.

Ai nostri lettori non bisogna fare altro che ammettere, visto l’andazzo, che forse è meglio riscuotere 30 denari in nome della verità che 50€ per andare appresso a degli incompetenti.

Rispondi