Resta sintonizzato

Campania

Scissione Pd. Ecco chi (veramente) in Campania è pronto a seguire Renzi nel nuovo partito

Pubblicato

il

Renzi lascia il Pd. La notizia era nell’aria. Oggi arriva l’ufficialità. La mossa (spietata) dell’ex premier è giunta a compimento. In un Pd sempre più spostato a sinistra non avrebbe avuto più senso rimanere. Al di là delle tante guerre intestine di questi anni. Chi oggi piange lacrime di coccodrillo per l’addio renziano, non ha fatto altro che lavorare affinché la scissione diventasse realtà. L’ex sindaco di Firenze cova storicamente sogni socialdemocratici e liberali. E’ convinto di poter rappresentare un campo moderato distinto e distante da un Pd stile Ds e dalla Lega di Salvini.

Proprio ciò che ha tentato di fare, invano, nel suo ormai ex partito, osteggiato dalla cricca diessina da lui sconfitta durante le primarie e negli anni di governo. Attraverso linguaggi e riforme non prigionieri della solita, vecchia litania comunista che “uccide” la crescita del Pd fin dalla sua fondazione. Quasi un manicomio da cui scappare. Questo Pd, a detta di alcuni renziani, non rappresenta più la volontà degli elettori. Il futuro dopo le liturgie. Le idee dopo le ideologie. Una roba bocciata sonoramente dagli elettori e di cui si continua a tesserne le lodi. Quasi a voler sbattere contro un muro. Tutto questo a Renzi, al netto dei suoi errori sulla qualità della classe dirigente, non è mai piaciuto. Insomma, i motivi sono chiarissimi. Ora c’è da capire chi seguirà il senatore fiorentino nel suo movimento politico.

In Campania la situazione è in fase di studio. Non c’è ancora alcuna adesione ufficiale. Anche se la truppa renziana, stando alle ultime indiscrezioni, è in rampa di lancio. Andiamo con ordine. Il deputato Lello Topo ed il capogruppo dem in consiglio regionale, Mario Casillo, potrebbero aderire alla “cosa renziana” rimanendo nel Pd ancora un po’. Questione di settimane. Gli esponenti campani vogliono vederci chiaro. E valutare con attenzione modi, tempi e struttura del nuovo partito d’ispirazione centrista. Insieme a loro aderirebbe anche l’eurodeputato democrat Giosi Ferrandino, ovvero la carta di avanscoperta nel mondo renziano del duo Topo-Casillo. Da Bruxelles potrebbe sbarcare anche Pina Picierno. Oltre al sempreverde Gennaro Migliore, che in Campania non si vede praticamente mai, anche il sindaco di Ercolano nonché amico storico di Maria Elena Boschi, Ciro Bonajuto, aderirà alla formazione renziana. Stesso discorso vale per l’ex deputato Pd, Giovanni Palladino, in cerca di un rilancio politico. Finita qui? Nemmeno per sogno.

Questa mattina l’ex deputato europeo ed attuale Consigliere per le Politiche Agricole in Campania, Nicola Caputo, affida alla sua pagina ufficiale alcune riflessioni in difesa della scissione renziana. Quasi a voler far trapelare una sua entry nel partito dell’ex Presidente del Consiglio. Legittimo, ci mancherebbe. Il ras del Pd in provincia di Caserta è un fedelissimo del governatore De Luca (lo testimonia l’incarico avuto in Regione), quest’ultimo da sempre in conflitto con Topo e Casillo. Potere della politica. Se Caputo dovesse aderire al partito renziano, e di riflesso entrerebbe anche l’ex sindaco di Salerno pur restando nel Pd, Casillo e Topo si ritroverebbero, loro malgrado, di nuovo nello stesso partito del tanto vituperato De Luca. Certi “amori” fanno dei giri immensi e poi ritornano.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

CLEMENTE: SINDACO PUO’ FARE TANTO PER CREARE CONDIZIONI DI SVILUPPO DEL LAVORO

Pubblicato

il

Nell’arco degli incontri pre elettorali in vista delle prossime elezioni amministrative a Napoli, la candidata sindaco Alessandra Clemente è stata ospitata dalla Cgil di Napoli per un confronto, guidato dal segretario della Cgil Campania Nicola Ricci, sugli argomenti portanti della campagna elettorale, partendo da quello del lavoro. Una occasione utile per alimentare un proficuo scambio di visioni sulle politiche da intraprendere nel prossimo quinquennio: legalità, sicurezza sul lavoro, appalti in primis ma anche trasporti, periferie e servizi al cittadino.
  “La campagna elettorale del sindaco di Napoli si fa soprattutto in un luoghi come questo: un luogo di lavoro, di confronto, dove le persone hanno ben chiara la direzione della loro opera e quali sono le cose da fare. Condividiamo con la Cgil un perimetro politico definito entro il quale vogliamo muoverci ed interessi comuni, che mettono al centro la persona. Il sindaco ha un potere relativo nella gestione delle politiche del lavoro ma può fare tanto affinché si creino le situazioni ideali per favorire lo sviluppo di lavoro. 
Penso a servizi essenziali, come gli asili nido che permettano ai genitori di poter lavorare in serenità o a dei trasporti efficienti che rendano agevoli gli spostamenti ma anche gli scambi di merci nell’area metropolitana. In questo senso è bene sottolineare che il prossimo sindaco sarà anche sindaco della città metropolitana e questo permetterà di affrontare molte questioni in materia di lavoro in maniera più organica. Penso ad esempio alla reindustrializzazione dei tanti siti in città o all’interno dell’area metropolitana, che oggi vivono sofferenze nella produttività e che vanno resi di nuovo vitali. 

Molto si dovrà fare anche per la macchina comunale e abbiamo già pronto un piano di assunzioni per integrare lavoratori e nuove professionalità che modernizzino l’amministrazione, puntando forte sulla digitalizzazione che rappresenta la vera sfida in termini di efficienza e accessibilità ai servizi per i cittadini napoletani”.

Continua a leggere

Afragola

Afragola: Visita del Prefetto Valentini in Villa comunale, per visionare l’innovativo impianto di videosorveglianza

Pubblicato

il

Afragola. Il Prefetto Valentini, accompagnato dal Commissario Straordinario dottoressa Anna Nigro e dai sub commissari dott.ssa Mariagrazia Cerciello e dott. Dario Annunziata, ha visitato stamattina la Villa Comunale per visionare l’innovativo impianto di video sorveglianza.

L’installazione di sensoristica e sistemi di automazione all’interno della villa è un banco di prova per il progetto “Afragola Città Intelligente”, il cui scopo è migliorare la vita dei cittadini sfruttando tutti i vantaggi dei moderni dispositivi interconnessi.


Da oggi la villa comunale è dunque dotata di:
Un sistema di videosorveglianza per tutelare il patrimonio cittadino da fenomeni d’illegalità che rappresentano un ostacolo alla civile convivenza, allo sviluppo economico e all’attrattività dei territori.
Una soluzione innovativa ed automatica per il controllo degli accessi alla villa comunale che consenta al personale preposto di tenere sotto controllo le strutture, favorendo l’efficienza energetica e la sicurezza delle persone.


Sono state installate nella villa, Viale S. Antonio e a Piazza Gianturco : telecamere, tra cui alcune termiche, in grado di rilevare il calore corporeo e di essere dunque efficienti in situazioni di scarsa visibilità, a disposizione della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine ;Colonnina SOS direttamente collegata con audio e video alla sala operativa della Polizia Municipale; Impianto di illuminazione intelligente in grado di ottimizzare i consumi elettrici.
In breve tempo sarà attivata anche la rete wireless gratuita WiFi -Italia, già disponibile presso le sedi comunali, nella villa, in Viale S. Antonio e a Piazza Gianturco.

Afragola muove i primi passi verso un nuovo modo di gestire la città attraverso l’interconnessione delle infrastrutture.

Continua a leggere

Caivano

Caivano: Diversamente abili senza diritti e senza spazi.

Pubblicato

il

Caivano – I diversamente abili che risiedono nella cittadina di Caivano, ogni giorno affrontano sul territorio molte difficoltà, il quale ne impedisce la circolazione in sicurezza sia su i marcia piedi non norma, il quale non rispettano le misure come stabilite dalla legge stabilisce ovvero una larghezza minima di 1,50 metri con tratti nei luoghi di maggior traffico aventi almeno una larghezza di 1,80 metri.

Se ci sono dei passaggi obbligati o per restrizioni a causa di lavori in corso, la larghezza non potrà essere inferiore a 90 centimetri, in presenza di ostacoli la larghezza deve arrivare a 2 metri, mancanza di spazi e attrezzature su misura, mancanza di fondi per finanziare progetti come l’assistenza domicilare, che i pochi fondi hanno destinato pochi operatori soltanto per i disabili più grave tralasciando una vasta porzione in bisogno di aiuto.

Non è l’unico ostacolo da superare in quanto, sul territorio fino ad oggi gli stalli per i possessori del contrassegno, erano pochi e occupati da incivili inpuniti per il mancato controllo da parte della polizia locale, oggi con il funzionamento della sosta a pagamento, i possesori del contrassegno, dovranno fare un abbonamento per poi poter pagare la modica cifra di 2 euro al giorno.

Non solo il danno anche la beffa, numerose richieste di stallo nei pressi della propria abitazione non hanno mai avuto risposta.

Ho protocollato la richiesta per lo stallo nel Gennaio 2020, dopo il lockdown, presso il comando della polizia locale ho sollecitato per chiedere spiegazioni in merito, ma un agente mi ha risposto che non c’erano i fondi per comprare nè la vernice, nè il paletto, nè ci fosse il manovale per eseguire il lavoro” ci ha raccontato Pasquale papà di Francesco ragazzo di vent’anni diversamente abile che tutt’oggi, dopo un’ anno e mezzo non ha ricevuto ciò che gli spetta, e come Francesco, ci sono molte altre persone in attesa.

I commissari prefettizi, non hanno preso in considerazione ciò ma nel progetto della sosta a pagamento, non hanno pensato all’esenzione ma bensì a tassare anche loro, l’amministrazione comunale insediatasi da quasi un’anno impegnato a risolvere le crisi della propria di maggioranza, con il bilancio producendo poco quanto nulla, in questo progetto hanno provveduto a diminuire la tariffa per la mezz’ora da un’euro a cinquanta centesimi, facendo presente che è un progetto dei commissari, ma ciò è rimasto invariabile, ma chissà per quanto ancora l’attenzione dell’amministazione sarà posta al bilancio, ma soprattutto alle proprie crisi , alle pretese dei partiti di maggioranza che con il cambio casacca di ben tre consiglieri, si spostano gli equilibri.

Quando l’attenzione dell’amministrazione si porge su i bisogni dei caivanesi, dei diversamebte abili non sarà mai troppo tardi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante