Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. Questione Lu.Mo. Al politico che si arrende leggendo le carte, preferiamo la politica e le visioni

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Non si placano le polemiche intorno al caso Lu.Mo. Stavolta a parlare è l’amministrazione nel nome dell’assessore Affinito, lo stesso che ha dormito sul caso fin dal suo insediamento, senza dimenticare che lo stesso era assessore ai lavori pubblici dell’amministrazione che ha affidato l’intera struttura per mille euro al mese al vincitore del bando di gara. Oggi, finalmente, ma meglio tardi che mai, si è destato e si è ricordato che è l’assessore al Contenzioso e al Patrimonio comunale e rivendicando ciò che le sue deleghe gli competono non ha cercato di risolvere la questione ma di giustificare e giustificarsi delle mancanze dell’amministrazione che a distanza di due anni non affida ancora il bene al legittimo gestore.

È giusto come dice Affinito al collega Paolo Sibilio nell’intervista di Political Life che a parlare debbano essere gli amministratori e non gli opinionisti. Anche se io sarei più per il: “mentre gli opinionisti parlano, gli amministratori fanno i fatti” ma mi rendo conto di pretendere troppo e allora possiamo anche aggiungere che per noi possono anche parlare gli amministratori baristi, tanto di quest’amministrazione non ci meraviglia più nulla.

E passando dagli amministratori baristi a quelli che dovrebbero fare politica, vorrei aggiungere che ascoltare un assessore comunale che ci dica che per come stanno le carte non si può far nulla e che l’ente comunale (sempre proprietario del bene, attenzione, il Comune ha dato in gestione il bene non l’ha alienato) non può farci nulla e per forza di cose deve sottostare a quanto kafkianamente accaduto, sinceramente fa cadere le braccia. In poche parole l’assessore Affinito ha denotato tutta la sua mancanza di visione, di idee e di politica.

È ovvio che se andiamo a leggere le carte, il gestore di quel bene può fare il bello e il cattivo tempo, perché ha tutte le ragioni del mondo per recriminare un bene a lui assegnato per legge, ma la politica va oltre, la politica è quell’arte che serve a trovare le soluzioni per una migliore vivibilità e dietro ad un accordo già preso è ovvio che ci sia: sia la possibilità e sia la volontà per poter chiudere una trattativa comoda per tutti.

Al contrario, l’avvocato Affinito ci sta comunicando, invece, che la politica la possono praticare solo i principi del foro e qui poi ci viene il dubbio sul fatto che tra i 70mila sindaci e 130 mila candidati sindaco di Afragola lui si sia sfilato dal pacchetto. Almeno gli riconosciamo l’onestà intellettuale di essere a conoscenza di non esserne all’altezza.

Quando ad intervenire poi, in mezzo ad una trattativa avviata tra l’ente e il delegato della società “Atlantide” si infilano amministratori baristi e imprenditori occulti, logico che il banco salta e chi è dedito ad usare prassi legittime si tira fuori dai giochi e abbandona il tavolo.

L’Assessore Affinito mente sapendo di mentire. La società Atlantide è vero che ha un suo amministratore e che si chiama Nicola Dragone ma è pur vero che l’affare è stato possibile grazie a delle forze insistenti sul territorio che attualmente vivono una faida familiare e che è quest’ultima il solo unico vero motivo per il quale il Lu.Mo. non viene ancora assegnato.

Chi si accosta al vortice di questa faida viene risucchiato in un non nulla e dalla persona perbene volto a risolvere i problemi della res publica ci si ritrova sporcato nell’immagine in un men che non si dica e chi invece riesce a regolarsi alla velocità del ciclone riesce a volare una bellezza raccattando anche qualcosa spinto dal vento.

Oramai non ci si meraviglia neanche più dell’eterno silenzio del sindaco che oramai non è che preferisce, ma ama proprio, far logorare gli attori in campo tra di loro, senza schierarsi mai, in maniera tale da riuscire ancora a galleggiare per un altro po’. Hai visto mai che se oltre alla Lega riuscisse anche a scontentare qualche barista?

Fatto sta che come anche dichiarato dall’assessore Affinito: “Se accordo ci sarà, il bar resterà lì dove era contemplato nel progetto iniziale” a dimostrazione che la vera diatriba della faida familiare era proprio la bouvette del Lu.Mo che noi di Minformo abbiamo definito galeotta nello scorso articolo.

Un’altra puntata a quando si saprà chi gestirà il bar della discordia…

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

Asse AFRAGOLA-CAIVANO sulle politiche sociali salva la poltrona al Sindaco Enzo Falco

Pubblicato

il

CAIVANO – L’Amministrazione targata Enzo Falco ancora una volta si dimostra essere un’Amministrazione normale formata da una maggioranza solida fatta da consiglieri eletti, almeno solo di facciata.

Il bilancio previsionale è passato perché il primo cittadino è riuscito a trovare un equilibrio, seppur flebile, tra tutti e dico tutti i consiglieri presenti in Consiglio Comunale, ovviamente chi si è assentato o chi si è astenuto è anch’egli colpevole/complice.

In realtà, al di là di quello che credono di fare o pensare i consiglieri di “Noi Campani” la fascia tricolore tira dritto per conto suo senza ascoltare nessuno. La stabilità e la conservazione della propria poltrona è il primo pensiero ed ha la priorità su tutto.

Il bilancio poteva passare tranquillamente con l’appoggio di Forza Italia, ma c’è stato qualche bambinone in più che non gli voleva dare merito, allora tutti fuori dall’aula e Consiglio da rifare.

Fermo poi stare in netto silenzio, per inconsapevolezza o per forza, su un accordo trovato sotto banco con il partito azzurro ben più pesante della semplice presenza in aula che consentisse l’approvazione del bilancio.

Quella di oggi a Caivano è senz’altro – la cosa grave è che parecchi consiglieri di maggioranza non se ne sono accorti – un’alleanza PD-M5S-FI nel pieno delle sue funzioni.

Ricorderanno tutti la mancata firma di Forza Italia dal notaio quando la sprovveduta altra parte di opposizione si fece cucinare come pollo al brodo dagli azzurri caivanesi. Bene, dopo questa assicurazione regalata dai berlusconiani, il Sindaco ha dovuto pagare dazio e chiudersi in un accordo, stretto a doppia mandata, con il leader, non solo dell’opposizione, ma dell’intera consiliatura. Sto parlando di Gaetano Ponticelli.

Questa classe dirigente è talmente scarsa che un Gaetano Ponticelli qualsiasi sembra uno statista al confronto, infatti è proprio lui che partendo da oppositore funzionale alla maggioranza ne sta diventando il vero leader indiscusso.

Salvata la poltrona del Sindaco, non bastava fare altro che riscuotere, e l’accordo è stato facile trovarlo.

Attualmente all’interno del CdA dell’Azienda Speciale delle Politiche Sociali formato da esponenti dei Comuni di Cardito e Crispano è rimasto un posto vuoto lasciato grazie alle dimissioni diramate dall’ex Sindaco di Afragola Claudio Grillo e siccome all’epoca della formazione dello stesso, Caivano attraversava un periodo di vacatio politico, oggi ne rivendica la presenza.

In maniera naturale e fisiologica, visto che le posizioni all’interno del CdA di Cardito e Crispano sono ricoperte dagli attuali sindaci, la posizione spetterebbe al Sindaco Enzo Falco, ma gli accordi presi con Gaetano Ponticelli sono altri. Ossia, il nome lo esprimerà lo stesso consigliere azzurro.

Logicamente il peso specifico del consigliere azzurro rispetto alla politica intercomunale è abbastanza leggero per poter andare ad Afragola – comune capofila – e dire qui il terzo elemento lo nomino io con i Sindaci di Crispano e Cardito alla finestra che sicuramente non starebbero lì a guardare Ponticelli nominare il potenziale Presidente dell’Azienda – perchè é bene informare i nostri lettori che uno dei tre elementi del CdA devono votare tra di loro il Presidente, posto lasciato vuoto da Grillo. Allora che si fa?

Semplice. Gaetano Ponticelli, sa come fare, navigare nel mondo delle politiche sociali, per il forzista è come stare seduti sul divano a guardarsi una serie su Netflix. Quindi in accordi con il candidato Sindaco di Afragola Gennaro Giustino si stringe in un altro accordo informale e siccome a vivere oggi la vacatio politica è Afragola, tanto vale trovare un nome che vada bene sia a Ponticelli che a Giustino che potrebbe anche mantenere calda la poltrona nel caso in cui vincesse il leader di “A viso Aperto” le elezioni, questo giustificherebbe anche la presenza in prima fila del Consigliere Ponticelli all’Apertura della Campagna elettorale di Giustino nella Pineta Comunale di Afragola. In caso di risultato negativo per Giustino, allora tanto vale mantenere nel CdA un proprio uomo che lasciare il posto ad un suo competitor risultato vincente dalle urne.

Ottima strategia, ancora una volta adozione della politica fatta a misura d’uomo… politico! Peccato però che a svelare le varie strategie personalistiche ci sia sempre il Minformo Nostradamus!

Continua a leggere

Afragola

Afragola: Visita del Prefetto Valentini in Villa comunale, per visionare l’innovativo impianto di videosorveglianza

Pubblicato

il

Afragola. Il Prefetto Valentini, accompagnato dal Commissario Straordinario dottoressa Anna Nigro e dai sub commissari dott.ssa Mariagrazia Cerciello e dott. Dario Annunziata, ha visitato stamattina la Villa Comunale per visionare l’innovativo impianto di video sorveglianza.

L’installazione di sensoristica e sistemi di automazione all’interno della villa è un banco di prova per il progetto “Afragola Città Intelligente”, il cui scopo è migliorare la vita dei cittadini sfruttando tutti i vantaggi dei moderni dispositivi interconnessi.


Da oggi la villa comunale è dunque dotata di:
Un sistema di videosorveglianza per tutelare il patrimonio cittadino da fenomeni d’illegalità che rappresentano un ostacolo alla civile convivenza, allo sviluppo economico e all’attrattività dei territori.
Una soluzione innovativa ed automatica per il controllo degli accessi alla villa comunale che consenta al personale preposto di tenere sotto controllo le strutture, favorendo l’efficienza energetica e la sicurezza delle persone.


Sono state installate nella villa, Viale S. Antonio e a Piazza Gianturco : telecamere, tra cui alcune termiche, in grado di rilevare il calore corporeo e di essere dunque efficienti in situazioni di scarsa visibilità, a disposizione della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine ;Colonnina SOS direttamente collegata con audio e video alla sala operativa della Polizia Municipale; Impianto di illuminazione intelligente in grado di ottimizzare i consumi elettrici.
In breve tempo sarà attivata anche la rete wireless gratuita WiFi -Italia, già disponibile presso le sedi comunali, nella villa, in Viale S. Antonio e a Piazza Gianturco.

Afragola muove i primi passi verso un nuovo modo di gestire la città attraverso l’interconnessione delle infrastrutture.

Continua a leggere

Afragola

Afragola: inaugurazione di due campi all’avanguardia nel quartiere Salicelle

Pubblicato

il

NAPOLI – Ad Afragola (NA), nel quartiere Salicelle, l’inaugurazione di due campi di calcetto, nell’ambito del Progetto Alpha@centerLuigi D’Antò: “Altro tassello importante per il definitivo completamento della struttura. Siamo orgogliosi ed entusiasti“.

È prevista per il prossimo 23 settembre alle 17 ad Afragola (NA), nel quartiere Salicelle, l’inaugurazione ufficiale di due campi di calcetto, nell’ambito del progetto Alphacenter.

Prima tappa, di più tappe progettuali, che prevedono anche la costruzione di un campo di calcio ed uno di tennis, unitamente ad un complesso educativo (aule polifunzionali/ aule per la formazione integrale dei minori, teatro, atelier, palestra, etc).

La struttura all’avanguardia, radicata sul territorio afragolese, ambisce ad essere un punto di riferimento ed un segno di speranza per il futuro dei bambini e dei ragazzi del quartiere.

<<L’inaugurazione dei due campi di calcetto, è motivo di grande orgoglio e soddisfazione per noi –  afferma Luigi D’Antò, Project manager del progetto  Alpha@center – Siamo orgogliosi ed entusiasti, perché questa inaugurazione rappresenta un altro tassello importante per il definitivo completamento della struttura. Un segno tangibile per tutta la comunità – prosegue D’Antò – che faccia da leva per la rigenerazione del tessuto sociale del quartiere>>.

All’inaugurazione, prenderanno parte diverse Fondazioni co – finanziatori del progetto, tra cui le fondazioni milanesi Vismara, Stabat e Magnoni, l’impresa sociale Con I Bambini, la Fondazione Grimaldi e numerosi altri partner dell’ODV Punto Cuore, tra i quali la Polisportiva Rosario Vittoria e la Parrocchia del SS Rosario di Afragola.

Saranno previsti, inoltre, interventi di numerose autorità.

Da un sepolcro a cielo aperto, abbandonato alla droga ed alla prostituzione per tanti anni, nasce nell’ex-motorizzazione civile di Afragola un luogo di vita, di bellezza e di risurrezione”, dichiara padre Guglielmo Trillard, parroco della Parrocchia del SS Rosario.

La festa di inaugurazione, che si svolgerà nel rispetto di tutte le norme anti Covid, prevederà oltre ad un buffet finale, anche un piccolo concerto conclusivo di ringraziamento.

Come raggiungerci? Clicca qui:

https://goo.gl/maps/8vwUzjbcJNvPWMGcA

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante