Resta sintonizzato

Caserta

Incidente sul lavoro nel casertano. Operaio travolto da un palo: è grave

Pubblicato

il

Un operaio di 36 anni originario di Melito, stava lavorando nell’area deposito di una ditta di spedizione quando l’impianto si è staccato centrandolo in pieno.

I fatti sono avvenuti poco prima delle 8 di questa mattina a Marcianise, in provincia di Caserta.

L’operaio è stato soccorso dai colleghi, ai quali la situazione è apparsa da subito molto seria ed hanno allertato l’ambulanza.

Giunta sul posto, lo ha trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta: la prognosi è riservata .

Dopo l’incidente, sono state effettuate delle verifiche da parte dell’ispettorato del lavoro per valutare il rispetto delle norme di sicurezza.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caserta

Abusi sessuali su minori: parroco in manette

Pubblicato

il

Don Gianfranco Roncone, ex parroco di Presenzano, accusato di abusi sessuali su minori è finito agli arresti domiciliari.

Il giudice per le indagini preliminari Marcello De Chiara del tribunale di Napoli ha disposto la custodia cautelare domiciliare a carico del sacerdote, cinquantacinquenne originario di Sparanise, eseguita dai carabinieri della Stazione di Vairano Scalo.  

Don Gianfranco Roncone è stato coinvolto in una vicenda di abusi sessuali su minori, reato per il quale è stata disposta la misura cautelare personale, mentre risulta gravemente indiziato dei reati di induzione alla prostituzione minorile e possesso di materiale pedopornografico.

Lo scandalo, che vede coinvolto don Roncone, è scoppiato il 23 dicembre 2020 quando i carabinieri della stazione di Vairano Scalo acquisirono i dispositivi telematici (cellulare e personal computer) utilizzati dal sacerdote della comunità di Presenzano al fine di rinvenire tracce di materiale pedopornografico o che attestassero l’intreccio di una relazione con dei minorenni.

Dai riscontri dei militari sono emerse delle ‘palpatine al sedere’ intercorse in due episodi distinti, dicembre 2019 e settembre 2020 ai danni di un piccolo fedele 17enne. Episodi denunciati dal minorenne e di lì a poco, in un’attività di iniziativa dei carabinieri, è partita l’indagine.

Lo scandalo in seno al clero ebbe però delle ripercussioni pressoché drastiche e repentine adottate dalla Diocesi di Teano tant’è che il Vescovo Giacomo Cirulli  il 24 dicembre 2020 sottopose don Gianfranco Roncone al divieto dell’esercizio del ministero pubblico di sacerdote allontanandolo immediatamente dalla comunità parrocchiale di Presenzano.

L’ipotesi accusatoria della Procura Partenopea ha visto il parroco di Sparanise oggetto di induzione alla prostituzione minorile e possesso di materiale pedopornografico, profili indiziari crollati grazie al lavoro dei legali di don Roncone, gli avvocati Renato Jappelli e Dario Mancino.

Continua a leggere

Caserta

Furto in tabaccheria: ladri sfondano la saracinesca con un camion

Pubblicato

il

Durante la notte di Pasqua, in piena zona rossa, una banda di ladri è entrata in azione nel casertano, rapinando una tabaccheria di Villa di Briano.

I malviventi hanno sfondato con un camion la saracinesca e hanno cominciato a sparare all’impazzata per intimorire la gente.

Una volta entrati all’interno hanno tentato di portare via soldi, gratta e vinci e tutto quello che c’era di valore. Non avevano però fatto i conti con il vetro antisfondamento e con un sistema di sicurezza che in pochi secondi ha riempito di fumo l’intera stanza.

Non riuscendo a mettere a segno il colpo si sono dati alla fuga facendo perdere immediatamente le proprie tracce.

Uno dei malviventi era armato e ha minacciato i residenti con la pistola. Oltre che a bordo del camion i malviventi sono arrivati anche con un auto.

Continua a leggere

Attualità

La protesta dei mercatali: bloccata la Napoli-Caserta

Pubblicato

il

Una manifestazione degli di vari operatori commerciali ha bloccato nella mattinata di oggi, martedì 6 aprile, l’Autostrada Napoli-Caserta.

Un chilometro di coda e più di auto e tir incolonnati sulla A1 Milano-Napoli tra il bivio con la A16 Napoli-Canosa e Caserta Sud in direzione di Roma.

In prima linea, nella protesta, gli operatori mercatali, seguiti da ristoratori, proprietari di bar e palestre  tutti uniti contro la quinta settimana di zona rossa Covid-19 in Campania.

È stata disposta la chiusura del tratto a causa di una manifestazione: all’interno del tratto chiuso il traffico è bloccato con oltre 1 km di coda.

In una nota, Autostrade per l’Italia, ha spiegato le vie alternative: “Chi viaggia verso Roma viene deviato sulla A16 Napoli-Canosa, da cui è possibile immettersi sulla A30 Caserta-Salerno in direzione di Caserta, per poi riprendere la A1 verso nord. In prossimità della deviazione obbligatoria si segnala 1 km di coda. Sul luogo dell’evento sono presenti il personale di Autostrade per l’Italia e la Polizia Stradale“.

«Abbiamo bloccato entrambe le corsie all’altezza di Marcianise. Il sit-in nasce a causa delle difficoltà oggettive per la pandemia, è illogico scaricare solo sui commercianti il peso del rischio Covid quando poi ci sono assembramenti ovunque. Noi non ce la facciamo più economicamente, non possiamo più andare avanti così. In strada ci sono gli operatori mercatali napoletani dell’area Nord, Scampia e Donguanella, dell’area Flegrea, di Napoli centro, ovvero Poggioreale, tutti i  paesi vesuviani, e l’associazione mercati liberi di Caserta» ha spiegato Vincenzo Grillo, presidente dell‘Unione Commercianti Aree Pubbliche.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante