Resta sintonizzato

Napoli

Manfredi: “Dateci gli strumenti per la ripresa o siamo condannati a priori”

Pubblicato

il

NAPOLI – Purtroppo per il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi l’approvvigionamento di fondi a favore della città metropolitana sembra complicarsi sempre più.

Ormai i fondi che il governo centrale può concedere al comune dipendono dalle garanzie dello stesso, vale a dire dalla capacità delle c.d. Aziende comunali, le cosiddette “partecipate”, ad aprirsi al mercato.

Il metodo che il Governo Draghi intende utilizzare affinché arrivino tali fondi è quello dell’Europa con il Pnrr. Soldi a fronte di progetti, finanziamenti solo se portano a una svolta strutturale nella gestione del bilancio. Questa la conditio sine qua non che sembra ormai molto chiara al sindaco Gaetano Manfredi e l’assessore al Bilancio Pier Paolo Baretta.

Aprirsi ai privati non significa svendere, ma controllare la gestione. Soprattutto significa dare un’impronta alle partecipate di tipo manageriale. Senza troppi giri di parole, Asìa per i rifiuti, Anm per i trasporti, Abc Acqua pubblica e la stessa NapoliServizi necessitano di un salto di qualità.

Il contratto di servizio con il Comune che garantisce stipendi e non i servizi così come è adesso non è più sostenibile perché se anche per ipotesi lo Stato desse 2,5 miliardi per sanare il debito di Palazzo San Giacomo, entro un paio di anni si starebbe di nuovo nelle condizioni attuali.

Le Aziende devono produrre servizi ed equilibrio di bilancio. Le regole sono chiare e le detta l’Europa: laddove gli enti locali non riescono a essere autosufficienti il ricorso al mercato non deve essere un tabù ma la strada da intraprendere. In questo capitolo rientra anche la dismissione dello sterminato patrimonio immobiliare dell’ente di piazza Municipio, sul quale ci sono molti riflettori accesi

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Napoli

Napoli, Galleria Vittoria non riaprirà: rubato più di un km di rame

Pubblicato

il

NAPOLI – La Galleria Vittoria non riapre. A seguito delle problematiche cagionate dal furto di un chilometro e quattrocento metri di rame che corredava l’impianto di aerazione, i lavori sono stati posposti ed il loro termine non rispetterà i tempi di riapertura previsti dall’amministrazione comunale.

L’impasse, venuta alla luce nelle ultime ore, rende impossibile l’avvio delle pratiche di dissequestro della Procura richiesto dal comune di Napoli. Qualche giorno fa, l’Anas aveva ultimato l’intervento di manutenzione straordinaria in piena conformità con il cronoprogramma, per un investimento complessivo di 2 milioni di euro, secondo quanto stabilito dalla specifica Convenzione.

Sono in corso gli accertamenti volti alla individuazione dei soggetti rei del furto. Nel mentre, il comune sta agendo per proseguire i lavori di cantiere nel tentativo di terminare questi nei tempi stabiliti e, con apposita ordinanza, di seguitare alla riapertura della mobilità in galleria.

Continua a leggere

Napoli

RUNTS. Scontro CSV Napoli e Regione Campania. Allarmismo inutile creato a Santa Lucia

Pubblicato

il

NAPOLI – Conflitto istituzionale tra CSV Napoli e Regione Campania. Motivo della discordia è l’allarmismo creato dalla Regione Campania circa l’iscrizione degli enti del terzo settore al Registro Unico Nazione del Terzo Settore. Una norma che finalmente pone le basi al censimento nonché alla certificazione di tutte le associazioni che operano nel mondo del volontariato.

La Regione Campania con a capo l’Assessore alle Politiche Sociali Lucia Fortini invece di aiutare e supportare tale agevolazione per gli enti del Terzo Settore, ingarbuglia la matassa e non fa altro che creare allarmismo con una comunicazione che asserisce che gli enti scritti al Registro Regionali saranno sottoposti a verifiche e iscritti, nel caso di esito positivo, direttamente al RUNTS, o cancellati in caso di esito negativo.

Immaginate il panico tra gli enti di terzo settore che si sono riversati immediatamente in aiuto all’unico ente che finora ha dato reale supporto in assenza di una norma ben chiara che ponesse le basi ad una collaborazione tra istituzioni e volontariato, stiamo parlando del CSV Napoli e di seguito riportiamo quanto pubblicato dallo stesso ente:

Da poche ore il Registro Unico del Terzo settore è diventato accessibile: gli ETS in possesso dei requisiti e non ancora iscritti, possono avanzare fin da subito domanda d’iscrizione. Il momento era atteso da oltre tre anni ed è diventato quasi una “liberazione” anche per chi, in questo periodo, ha sostenuto le tante associazioni impegnate a rivedere lo statuto alla luce delle nuove norme previste dal Codice del Terzo settore.

Il Centro di Servizio per il Volontariato della città Metropolitana di Napoli ha provato, più volte, a colmare quel vuoto lasciato dal legislatore offrendo alle associazioni le indicazioni tecniche e gli strumenti ritenuti essenziali per le scelte legate al nuovo assetto.

Dallo scorso 19 novembre, però, in merito alle procedure per l’avvio del RUNTS, gli uffici della Regione Campania attraverso i propri canali istituzionali comunicavano che: “le ODV e le APS già iscritte nei registri regionali, non dovranno porre in essere nessuna attività. In seguito, verrà effettuato il controllo della completezza dei dati ‘obbligatori’ nonché della sussistenza dei requisiti per la permanenza nel registro, con particolare riferimento alla conformità dell’atto costitutivo e dello statuto al DLgs n. 117/2017: in caso di esito positivo, sarà disposta l’iscrizione dell’ente nella sezione corrispondente del RUNTS; in caso di esito negativo, ne sarà disposta la mancata iscrizione”. A seguito di questa comunicazione, questa situazione già molto delicata per il Terzo settore della città metropolitana si è complicata ulteriormente.

Crediamo che in questa fase sia opportuno evitare allarmismi e fraintendimenti, dal momento che la norma prevede, in caso di non conformità degli atti, un contraddittorio obbligatorio, per favorire le modifiche o le integrazioni ritenute necessarie” dichiara il presidente di CSV Napoli, Nicola Caprio, che prosegue “Precisiamo questo, poiché, subito dopo la pubblicazione della notizia sul sito della Regione Campania, i nostri uffici, sono stati tempestati dalle telefonate di organizzazioni preoccupate di un’ eventuale cancellazione d’ufficio. Tutto ciò avviene – aggiunge Caprio – perché, ancora oggi, non si mette in pratica quanto previsto dalla Riforma, e cioè l’attivazione di processi di co-programmazione e co-progettazione tra Istituzioni e Terzo settore. E’ mancata, purtroppo e nonostante la disponibilità di CSV Napoli, la collaborazione con gli uffici preposti della Regione Campania, come dimostrano anche le numerose richieste di supporto pervenute nell’ultimo mese da associazioni coinvolte a vario titolo nei progetti finanziati dalla Regione Campania in merito agli avvisi fondi 2017 (scorrimento) e fondi 2018-2020 per ODV e APS. Tutte le associazioni che si sono rivolte ai nostri consulenti, hanno lamentato l’impossibilità di mettersi in contatto con gli uffici della Regione e il conseguente mancato avvio delle attività progettuali. Le organizzazioni ci hanno più volte fatto presente di aver attivato fideiussioni per progetti che tardano a partire a causa di lungaggini nelle comunicazioni, con conseguenti aggravi per le casse delle stesse che si vedono, quindi, costrette a prolungare la durata delle garanzie fideiussorie. Anche le associazioni che stanno concludendo i progetti, nell’ultimo periodo non sono riuscite ad avere risposte in merito alle rendicontazioni presentate e non avendo, pertanto, ricevuto gli svincoli delle fideiussioni, sono state obbligate a rinnovare le polizze, subendo un ulteriore danno economico. Questo è inaccettabile. Per tutte queste motivazioni – conclude Caprio – chiediamo all’Assessore alle politiche sociali e al Welfare della Regione Campania di intervenire con la massima priorità e di avviare percorsi di collaborazione con le organizzazioni su queste tematiche, al fine di costruire insieme politiche attive che possano migliorare le nostre città”.

Continua a leggere

Editoriale

NAPOLI. Manfredi punta tutto su Baretta. Regolamento del Consiglio da modificare

Pubblicato

il

NAPOLI – Deliberato il nuovo Consiglio Comunale a guida Manfredi rimane da fare ancora un ulteriore passo importante per cominciare a poter rendere esecutive le linee programmatiche dettate in aula dal Sindaco.

Infatti martedì ci sarà un nuovo consesso pubblico dove all’ordine del giorno sarà presente l’approvazione del bilancio consuntivo dell’ente e senza di essa, ovviamente, non si può dare inizio al vero e proprio mandato dell’ex rettore.

Una nota positiva che hanno catturato le telecamere di Minformo TV è che tutte le opposizioni, a partire da Bassolino per finire all’ex magistrato Catello Maresca, reputano la lotta intrapresa dalla fascia tricolore verso il governo centrale per far sì che il “Patto per Napoli” si rispetti, una lotta giusta e doverosa, al netto che nessuno dei due però crede nell’arrivo immediato di moneta sonante e che il “Patto per Napoli” in realtà è stata solo una boutade elettorale, fermo restando che la battaglia sul riconoscimento da parte di Roma a dare supporto per uscire da un disastro economico, si deve portare avanti.

Dal canto suo il Sindaco Manfredi di certo non vuole fare la figura del don Chisciotte, ecco perché si è voluto dotare di una figura di assessore al bilancio come quella di Pier Paolo Baretta. L’attuale assessore alle finanze napoletane ha alle spalle diversi anni di carriera politica con esperienza proprio presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze ed è stato deputato tra le fila del Partito Democratico, capogruppo nella Commissione Bilancio, Tesoro e programmazione Economica. È rimasto in Parlamento fino al 2018 e nel corso di dieci anni è stato protagonista di un’attività parlamentare intensa, distinguendosi per aver chiesto l’aumento delle detrazioni per i figli a carico e il finanziamento del fondo per le politiche sociali e la non autosufficienza. Dal 2013 al 2018 è stato Sottosegretario al Ministero dell’Economia. 

Insomma un Curriculum Vitae di tutto rispetto ma l’ingaggio di Baretta non è vertito solo sul suo palmares ma soprattutto sulle sue conoscenze accumulate quando era sottosegretario al MEF. La sua abnegazione e il suo certosino censimento sui fondi residui mai beneficiati dal Comune di Napoli sulle varie progettazioni potranno rappresentare una delle chiavi di volta per riempire il buco in bilancio e potranno rappresentare nuova linfa vitale per le casse comunali.

Non finiscono qui le idee del primo cittadino. Nella mente dell’ex Ministro c’è anche una serie di mutui/finanziamenti da accendere con Cassa Depositi e Prestiti mettendo a garanzia i beni immobiliari della città di Napoli che ad oggi ammontano a circa sessantaseimila, per la maggior parte conosciuti da pochi eletti. Praticamente il Comune di Napoli possiede il doppio di beni immobili di Roma e quattro volte quelli di Torino. Un patrimonio immobiliare che potrebbe far comodo sia a CdP che aumenterebbe la sua capacità economica, sia al Comune di Napoli che trasformerebbe il valore dei suoi immobili, per lo più in disuso, in moneta sonante.

Insomma, corre ai ripari Manfredi, certo non aspetta che piovono soldi dal cielo ma bisogna fare in fretta. A fine Novembre scadono alcuni termini per presentare progetti che permettono di attingere fondi PNRR, alcuni di questi quelli sulla creazione di nuovi asili nidi e c’è da considerare che, secondo un’elaborazione openpolis denominata “Con i Bambini su dati Istat”, tra le principali dieci città italiane, Napoli si piazza all’ottavo posto con 12,80 posti su ogni100 bambini.

Un altro argomento da cui non può sfuggire il neosindaco napoletano è la modifica del Regolamento del Consiglio Comunale. Napoli resta l’unica città italiana ad avere un Regolamento dell’Assise Pubblica fermo da 47 anni. Il Regolamento di Napoli, in realtà, mantiene ingessati i lavori dell’aula perché fu redatto ai tempi di una legge elettorale diversa, ai tempi in cui il Sindaco della città non era direttamente eletto dal popolo e dell’era in cui a Napoli “regnava” il Pentapartito decidendo a distanza di mesi, chi, come e quando doveva fare il Sindaco a Napoli.

C’è assolutamente bisogno di modificare, snellire e attualizzare i lavori del Consiglio Comunale per far sì che a distanza di 47 anni tutto avvenga in maniera smart.

Si attenderà, adesso, la sicura approvazione del consolidato per poi vedere quale sarà la prima azione fattiva del Sindaco Manfredi. Vi terremo aggiornati.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante