Resta sintonizzato

Cronaca

L’ombra della ‘Ndrangheta sulla Capitale: elevate 43 misure cautelari

Pubblicato

il

Blitz della Direzione Investigativa Antimafia a Roma e nelle province del Lazio e della Calabria, che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 43 persone. In particolare, alcuni sono accusati di far parte di una locale di ‘Ndrangheta, radicata nella Capitale e finalizzata ad acquisire la gestione e il controllo di attività economiche in svariati settori, quali ittico, panificazione, pasticceria, del ritiro delle pelli e degli olii esausti.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, l’organizzazione faceva ricorso ad intestazioni fittizie, allo scopo di schermare la reale titolarità delle attività. Inoltre, si proponeva anche il fine di commettere delitti contro il patrimonio, contro la vita e l’incolumità individuale e in materia di armi, affermando il controllo egemonico delle attività economiche sul territorio, realizzato anche attraverso accordi con organizzazioni criminose omologhe.

Pertanto, nell’ambito dell’inchiesta, denominata ‘Propaggine’, è stato tratto in arresto il sindaco di Cosoleto Antonino Gioffré, il cui nome compare nell’elenco dei 34 soggetti raggiunti dall’ordinanza. Nel filone calabrese, sono finite in carcere 29 persone e ai domiciliari altre cinque. Gioffrè, è accusato di scambio elettorale politico-mafioso, poiché avrebbe favorito l’assunzione di un altro soggetto indagato. Inoltre, gli sono contestati anche i reati di associazione mafiosa, favoreggiamento commesso al fine di agevolare l’attività del sodalizio mafioso e la detenzione e vendita di armi comuni da sparo e armi da guerra aggravate.

La ‘ndrina’ locale era formata da una diarchia, che vedeva a capo della struttura criminale Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, entrambi appartenenti a storiche famiglie della ‘ndrangheta originarie di Casoleto, in provincia di Reggio Calabria. Infine, è stato disposto il sequestro di 24 società, oltre a ristoranti, bar e pescherie nella zona nord di Roma, nel quartiere di Primavalle.

Cronaca

Il calcio italiano piange la scomparsa di Giorgio Vitali, storico DS di Napoli e Atalanta: aveva 79 anni

Pubblicato

il

Lutto nel mondo del calcio italiano, per la scomparsa di Giorgio Vitali, uno dei volti più noti del pallone nostrano tra gli anni ’80 e ’90. Legò la sua carriera principalmente al Milan, di cui fu centrocampista, per poi passare dietro la scrivania e ricoprire ruoli dirigenziali, come il suo incarico di direttore sportivo del Napoli. Lascia un vuoto incolmabile, soprattutto in Ariedo Braida, attuale DS della Cremonese, del quale era uno degli osservatori ai tempi del Milan e molto legato dal punto di vista personale.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia in strada: il 18enne Luca muore cadendo dalla moto

Pubblicato

il

Tragico incidente avvenuto ieri pomeriggio nella zona industriale di Ostra, in provincia di Ancona, nel quale ha perso la vita il 18enne Luca Bergamaschi.

Secondo una prima ricostruzione, il giovane si trovava a bordo della sua moto, quando ha perso improvvisamente il controllo del mezzo rovinando sull’asfalto e morendo sul colpo. La vittima era nato a Milano, ma viveva con i genitori e le sorelle a Senigallia. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118, non c’era già più niente da fare.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, rubano in un negozio. Arrestati 21enne e 22enne del posto

Pubblicato

il

NAPOLI- Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Toledo presso un negozio di abbigliamento per la segnalazione di un furto.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinanti da un addetto all’accoglienza il quale ha raccontato che, poco prima, aveva fermato due giovani che, oltrepassate le barriere antitaccheggio, avevano fatto scattare l’allarme sonoro poiché avevano asportato alcuni capi d’abbigliamento del valore di circa 38 euro.
Gli operatori hanno identificato i due, napoletani di 21 e 22 anni, e li hanno denunciati per furto aggravato.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante