Resta sintonizzato
emergenza covid-19 sant'antimo emergenza covid-19 sant'antimo

Campania

Emergenza Covid-19 Sant’Antimo. Aumenta il numero di positivi, il totale

Pubblicato

il

Emergenza covid-19 Sant’Antimo, sono stati accertati 5 nuovi casi di persone che sono risultate positive al Coronavirus. Stando a quanto comunicato dalla Commissione Straordinaria, in questo momento ci sono 39 persone attualmente positive.

Dal 20 Marzo ad oggi ci sono in totale 94 casi, di cui 54 guariti e un deceduto.

I dati dunque, anche se in aumento, non preoccupano: la situazione è sotto controllo. Il Comune di Sant’Antimo informa che il monitoraggio relativo all’emergenza epidemiologica da Covid-19 è costante e continuo.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Operazione contro raccolta datteri mare. Santillo (M5S): “Grazie a Procura e Guardia Costiera”

Pubblicato

il

Esprimo tutto il mio ringraziamento alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata e agli uomini della Guardia Costiera della Campania, per l’operazione che ha portato all’esecuzione di 21 misure cautelari in tutta Italia, per gravi reati di disastro ambientale collegati alla raccolta dei datteri di mare” ha dichiarato Agostino Santillo, vicepresidente del gruppo M5S al Senato.

Continuando “I danni di questo autentico abominio sono gravissimi: ricordiamo altri episodi che in passato hanno interessato luoghi meravigliosi come i faraglioni di Capri, secondo una logica spietata e criminale che antepone il profitto illecito a qualsiasi cosa“.

Il nostro ecosistema marino va difeso e tutelato e le attività di prevenzione di magistratura e forze dell’ordine vanno sostenute. Anche questo è transizione ecologica e noi del Movimento 5 Stelle solleciteremo in ogni modo il governo Draghi affinché aumenti il livello di attenzione sulla tutela ambientale” ha concluso l’esponente del Movimento Cinque Stelle.

Continua a leggere

Campania

Si inaugura l’asilo nido alla Federico II e si tiene chiuso quello del Cardarelli. Per quale motivo?

Pubblicato

il

NAPOLI – L’altro ieri il governatore Vincenzo De Luca ha inaugurato l’Asilo nido all’interno dell’Università Federico II.

“L’asilo servirà ai genitori che lavorano all’Università per poter lasciare, durante l’orario di lavoro, in estrema sicurezza e tranquillità il proprio pargolo in mani sicure”. Questo è l’incipit fatto dal Presidente della Regione Campania ed è anche lo scopo di questo nuovo varo che avvicina sempre più il terzo settore alle esigenze dei cittadini.

Peccato però che il governatore abbia la memoria corta o che adotti due pesi e due misure. Si, perché per un asilo che apre con tanto di taglio del nastro con annessa passerella politica, ce n’è un altro che resta chiuso. Stiamo parlando dell’asilo nido dell’Azienda Ospedaliera del Cardarelli.

L’Asilo nido del nosocomio napoletano è stato chiuso, causa pandemia, nel 2020 e da allora non ha più riaperto i battenti. Il gestore vincitore del bando pubblico ha ancora 60mila euro da mettere a disposizione della comunità e attende notizie da più di un anno.

Insomma, ad oggi, non si sa perché l’asilo nido del Cardarelli non riparte. Visto che non si tratta più di pericolo di contagio tra i bambini, dato che si è aperto quello all’Università. Allora per quale arcano motivo si continua a tenere chiuso l’Asilo nido dell’azienda ospedaliera Cardarelli?

Nel noto Talk “L’Assise” andato in onda, in via del tutto eccezionale di Lunedì, su MinformoTV il Consigliere Regionale Severino Nappi sull’argomento ha dichiarato (guarda qui al min. 10:00): “Voglio essere cattivo e voglio considerare che il candidato Sindaco di Napoli dalla parte di De Luca è un signore molto distinto che faceva il rettore proprio alla Federico II e quello può essere considerato benissimo il suo discreto covo elettorale, chissà forse c’entra proprio questo fattore?”. Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua a leggere

Campania

Campania. Disastro ambientale. 21 misure cautelari per raccolta di datteri

Pubblicato

il

La Procura di Torre Annunziato ha iniziato una vasta operazione di polizia giudiziaria, per il disastro ambientale provocato dalla continua raccolta di datteri.

Oltre alla Regione Campania anche altre 4 Regioni stanno effettuando controlli e sanzioni per i predoni di datteri. Le Regioni considerate sono Campania, Lombardia, Puglia e Liguria.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante