Resta sintonizzato

Casalnuovo

CASALNUOVO. Asilo Nido. Sotto il post del Sindaco la rivolta web delle mamme

Pubblicato

il

CASALNUOVO – Non si placano le polemiche sul territorio dopo che la nostra testata ha lanciato l’allarme sul nuovo capitolato d’appalto del servizio Asilo Nido della città e dopo che il Sindaco ha voluto sfidare la realtà tacciando la nostra testata di divulgare Fake News, pur di nascondere la verità ai suoi concittadini.

Dopo il nostro secondo articolo dove si scendeva meglio nei particolari per dimostrare che a dire bugie in realtà fosse il sindaco e non la nostra testata, visto che siamo abituati a leggere i documenti e a verificare le notizie prima di scrivere, proprio sotto il post del Sindaco Pelliccia dove ci tacciava per produttori di Fake News, si è avuta una rivolta web delle mamme dei bambini frequentanti l’asilo nido.

In alcuni commenti si può anche leggere e scorgere come qualche genitore asserisce che quello che sta succedendo intorno all’asilo e quindi quello scritto da Minformo sia tutto vero.

Dal 1 Febbraio i cittadini casalnuovesi dovranno pagare la retta mensile per mandare i propri bambini all’Asilo comunale. Niente di più, niente di meno. Ma la protesta dei commenti verte principalmente su una riflessione fatta anche dalla nostra testata nel mio editoriale di ieri, ossia quella del cambio delle insegnanti ad anno in corso.

Giustamente qualsiasi mamma al mondo non vorrebbe far subire un trauma del genere al proprio bambino, specialmente se quelle insegnanti hanno dimostrato abnegazione e professionalità, come dimostrano anche i commenti fatti dalle mamme e che trovate allegati in basso.

Quindi a chi gioverebbero le scelte scellerate di quest’amministrazione? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Casalnuovo

Casalnuovo. Quasi 50 persone in un ristorante per una festa: sanzioni per tutti

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato di Acerra, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Professore Filippo Manna a Casalnuovo per la segnalazione di numerose persone che stavano cenando all’interno di un ristorante.

I poliziotti, una volta sul posto, con il supporto di personale del Commissariato di Afragola e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno sorpreso 43 persone, tra i 18 e i 57 anni, sedute ai tavoli intente a consumare cibi e bevande e a festeggiare un compleanno e le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19.

Il direttore del locale, un 44enne di Aversa, è stato sanzionato perché aveva consentito le consumazioni negli spazi interni ed altresì perché l’esercizio commerciale era aperto oltre l’orario consentito; inoltre, è stata disposta la chiusura della struttura per 5 giorni.

Infine, all’esterno del locale, gli operatori hanno controllato altre  4 persone che erano appena salite a bordo di un’autovettura e le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché al di fuori del proprio domicilio oltre l’orario consentito.
 

Continua a leggere

Attualità

Ultim’ora Casalnuovo. Bambino precipita dal quarto piano. È corsa contro il tempo

Pubblicato

il

Un bambino di tre anni, per cause in corso di accertamento, e’ precipitato dal quarto piano della propria abitazione.

È accaduto pochi minuti via nel parco Ciser di via de Curtis, 77 a Casalnuovo di Napoli.

Il bambino risulta essere vivo. Una pattuglia dei carabinieri sta scortando l’ambulanza diretta all’ospedale  di Napoli.

Continua a leggere

Acerra

Acerra e Casalnuovo. Carabinieri impegnati nel contrasto all’inquinamento ambientale

Pubblicato

il

Acerra e Casalnuovo di Napoli: Terra dei fuochi. Carabinieri impegnati nel contrasto all’inquinamento ambientale.

I Carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna insieme a quelli della stazione forestale di marigliano – nell’ambito di un servizio disposto dal comando provinciale di napoli in tema “Terra dei fuochi” – sono stati impegnati in verifiche per il contrasto all’inquinamento ambientale.

Ad acerra – nella località real sito della lanciolla – i carabinieri hanno sequestrato 3 chilometri e mezzo dell’alveo di un canale secondario dei “Regi Lagni”. I militari dell’Arma hanno trovato numerosi rifiuti di varia natura, sia speciali che pericolosi, accumulati nel tempo: RSU, RAE, scarti della produzione agricola, pneumatici e parti di veicoli.
Durante le operazioni, i carabinieri hanno denunciato anche un 34enne per trasporto e smaltimento illegale di rifiuti. L’uomo – a bordo del suo furgone – stava entrando nell’area industriale di acerra e trasportava vari scarti in ferro senza la prevista autorizzazione. Il mezzo è stato sequestrato.

A Casalnuovo di Napoli, i Carabinieri hanno sequestrato un terreno in via bolla. Nell’area – di circa mille metri quadri – erano stati accantonati nel tempo vari rifiuti speciali non pericolosi. Il proprietario del terreno, un 47enne, è stato denunciato per smaltimento illecito di rifiuti.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante