Resta sintonizzato

Cronaca

Il suicidio di Arianna: a 33 anni si toglie la vita esasperata dai maltrattamenti dell’ex

Pubblicato

il

A 33 anni Arianna Flagiello ha scelto di farla finita: era esasperata dai maltrattamenti dell’ex fidanzato che andavano avanti da più di 10 anni.

Non è riuscita a trovare una via d’uscita e così ha pensato che l’unica soluzione per essere libera sarebbe stato il suicidio.

Nell’agosto del 2015 Arianna si è uccisa lanciandosi dal balcone della sua abitazione, nel quartiere Arenella, a Napoli: secondo i giudici la 33enne si è suicidata perché esasperata dai continui maltrattamenti che andavano avanti ormai da oltre dieci anni.

La Corte di Assise di Appello di Napoli ha condannato a 19 anni di reclusione l’ex fidanzato Mario Perrotta.

In primo grado Perrotta era stato condannato a 22 anni ed era stato assolto dall’accusa di tentata estorsione, reato per il quale è stato invece riconosciuto responsabile dai giudici di secondo grado ma solo ai danni della vittima e non della madre di lei.

La sentenza è stata emessa dalla Quinta Sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli (presidente Rosa Romano, giudice a latere Taddeo).

Per Perrotta lo scorso 4 marzo il sostituto procuratore della Corte di Appello di Napoli Giovanni Cilenti, al termine della requisitoria, aveva chiesto 24 anni per i reati di istigazione al suicidio e maltrattamenti, con l’aggravante della morte, e per tentata estorsione nei confronti della 33enne e della madre di lei.

La morte di Arianna fu dai primi momenti messa in relazione dagli inquirenti e dai familiari con i maltrattamenti subiti nell’abitazione in cui i due convivevano: lo stesso suicidio giunse alla fine dell’ennesima lite.

I legali di Perrotta, Vanni Cerino e Sergio Pisani, hanno annunciato il ricorso alla Corte di Cassazione.

La famiglia Flagiello è stata rappresentata dagli avvocati Pasquale Coppola e Marco Imbimbo. In aula anche l’avvocato Giovanna Cacciapuoti, legale dell’associazione “Saluta Donna“, costituitasi parte civile nel processo, e, accanto ai familiari di Arianna, la criminologa Antonella Formicola.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Dramma nella notte. Uccide moglie, figlio e una coppia di anziani, poi si spara

Pubblicato

il

Una vera e propria strage, quella che si è consumata nella notte a Rivarolo Canavese, in provincia di Torino. Un uomo, ha ucciso moglie, figlio disabile e una coppia di anziani coniugi proprietari della sua abitazione. Una volta giunti i carabinieri sul posto, egli si è sparato, ferendosi gravemente. L’uomo, è ora ricoverato in gravi condizioni presso l’ospedale di Torino, mentre gli inquirenti, stanno cercando di capire il movente di questo folle gesto. La pistola utilizzata era regolarmente detenuta. Seguiranno aggiornamenti.


  
  

Continua a leggere

Cronaca

Qualiano, un tragico incidente spezza la vita di Gennaro: aveva solo 16 anni

Pubblicato

il

Tragedia ieri sera a Qualiano, in via Campana, dove Gennaro Nappa, 16 anni, è rimasto vittima di un incidente e non ce l’ha fatta. Era in auto insieme a Domenico Fragalà, 19 anni, che era alla guida e Manuel Guerriero, 18 anni, seduto al lato passeggero. Alcuni residenti della zona, che poi sono stati i primi ad allertare i soccorsi, si sono così espressi sulla questione: “Abbiamo sentito rumori fortissimi simili a fuochi d’artificio. A quel punto siamo scesi in strada ed abbiamo visto cosa fosse successo”.

Gennaro, sarebbe stato ricoverato d’urgenza al Cardarelli, ma il suo cuore ha smesso di battere poco dopo. In condizioni gravi ma fuori pericolo di vita gli altri due. Stando ad una prima ricostruzione, l’auto sulla quale viaggiavano i tre giovani, ha tentato di sorpassare una Fiat Panda ma l’ha urtata sulla fiancata, capovolgendosi così più volte e impattando su un’Opel Zafira che era parcheggiata. In seguito si è ribaltata più volte, finendo la propria corsa alcuni metri più avanti.

I carabinieri, sono ora in attesa delle immagini delle telecamere di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali, che potrebbero aver ripreso le fasi dell’incidente.

Continua a leggere

Cronaca

Grave incidente nel salernitano. Nello scontro ferite tre persone: i particolari

Pubblicato

il

Grave incidente nel pomeriggio tra Battipaglia e Olevano Sul Tusciano, in provincia di Salerno. Stando ad una prima ricostruzione, l’episodio sarebbe avvenuto sulla Provinciale e avrebbe coinvolto 3 automobili. Nello scontro, sono rimaste ferite 3 persone, trasportate d’urgenza dai sanitari del 118 presso l’ospedale più vicino. Sul posto, sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Battipaglia, che hanno effettuato i rilievi del caso per stabilire l’esatta dinamica del sinistro.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante