Resta sintonizzato

Tecnologia

Social. Whatsapp. Ecco cosa cambia per la privacy

Pubblicato

il

Nei mesi scorsi la società aveva annunciato che chiunque avesse rifiutato rifiuterà le policy di aggiornamento avrebbe potuto continuare a ricevere chiamate e notifiche per qualche settimana, ma non sarebbe stato in grado di leggere o inviare messaggi mediante l’applicazione. Il tempo di inattività che porta alla cancellazione di un account avrebbe dovuto essere pari a 120 giorni.

Ora invece soltanto gli account business saranno obbligati ad accettare le condizioni di servizio

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Tik Tok: nuove misure imposte dal Garante della Privacy

Pubblicato

il

Tik Tok si è impegnata ad adottare nuove misure sul mercato italiano per impedire in maniera ancora piu’ efficace l’accesso dei piu’ piccoli alla piattaforma dopo le misure già prese alcuni mesi fa.

Secondo l’Autorità le misure approntate da TikTok a seguito dei provvedimenti d’urgenza del Garante hanno portato a risultati significativi, ma non ancora sufficienti. 

Tra il 9 febbraio, inizio del blocco imposto dal Garante, e il 21 aprile sono stati piu’ di 12 milioni e mezzo gli utenti italiani ai quali e’ stato chiesto di confermare di avere piu’ di 13 anni per accedere alla piattaforma e sono stati oltre 500 mila gli utenti rimossi perché probabili infratredicenni: circa 400mila perche’ hanno dichiarato un’eta’ inferiore ai 13 anni e 140 mila attraverso una combinazione di moderazione e strumenti di segnalazione implementati all’interno dell’app.

Il Garante ha, quindi, chiesto a Tik Tok di mettere in campo una serie di ulteriori interventi al fine di tenere gli infratredicenni fuori dalla piattaforma.

Tik Tok si è impegnata a garantire la cancellazione, entro 48 ore, degli account segnalati e che risultino, all’esito di verifiche, intestati a utenti al di sotto dei 13 anni di età.

E poi: a rafforzare i meccanismi di accesso alla piattaforma e il blocco dei dispositivi utilizzati dagli utenti infratredicenni; studiare e elaborare soluzioni, anche basate sull’intelligenza artificiale, che nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati personali, consentano di minimizzare il rischio che bambini al di sotto dei 13 anni di età utilizzino la piattaforma.

E sempre tra gli impegni del social c’è anche quello di lanciare nuove iniziative di comunicazione, sia nella app che attraverso radio e giornali, allo scopo di educare a un uso consapevole e sicuro della piattaforma e di ricordare che la piattaforma non è adatta a un pubblico di infratredicenni.

Il Garante ha ricordato, quindi, che vigilerà sull’adempimento da parte di Tik Tok in relazione agli impegni assunti e proseguirà nella sua attività di indagine e verifica nell’ambito dei procedimenti gia’ avviati nei confronti della piattaforma.

Continua a leggere

Attualità

Si chiama “ForElle”, la nuova app per combattere la violenza sulle donne: ecco come funziona

Pubblicato

il

Si chiama ‘ForElle’, la nuova app che si propone di difendere le donne vittime di violenza. Infatti, premendo un semplice pulsante, la vittima, potrà inviare un segnale d’allarme e la propria posizione in tempo reale, nonché la registrazione dell’audio ambientale dal cellulare, ai numeri della sua rubrica telefonica. Una vera e propria rivoluzione, che consentirà a chi sarà pervenuto l’avviso, di intervenire o chiamare la Polizia. Questa applicazione, è stata sviluppata presso la Apple Developer Academy di San Giovanni a Teduccio ed è stata creata da sei sviluppatori, coadiuvati dai mentor di quest’accademia.

ForElle, si è avvalsa delle testimonianze di numerose donne vittime della violenza che, grazie alla loro esperienza, hanno fornito dei dettagli utili alla configurazione dell’applicazione. L’aspetto più importante dello sviluppo però, è la capacità di far partire tutte le funzioni più importanti azionando un solo tasto. Un click capace di salvare vite umane, visto che è chiaro ormai che, in situazioni di pericolo, la tempestività è tutto. Inoltre, sapere dove si trova la vittima e seguirla tramite il segnale Gps del cellulare, può aiutare chi corre in suo soccorso.


Continua a leggere

Attualità

INFORMATICA. Poco fa blackout di WhatsApp in tutto il mondo

Pubblicato

il

L’ immenso ecosistema social di Mark Zuckerberg sta avendo problemi di connessione.

Sul sito downdetector.com che segnala i disservizi di tante piattaforme web stanno arrivando segnalazioni degli utenti di tutto il mondo, a partire dalle ore 18.

WhatsApp (come Instagram e Facebook) sarebbe infatti bloccato a causa di malfunzionamenti del server. Solo in questi momenti il problema sembrerebbe essere stato risolto e tutto tornato alla normalità, perché ormai la normalità non  è più “la comune vita sociale”, ma “la comune vita di un social”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante