Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO. Il Sindaco con la giunta fa il gioco delle tre carte

Pubblicato

il

CAIVANO – Non è passato neanche un mese ed il Sindaco Enzo Falco mischia di nuovo le carte. Un’arte la sua. Meglio dei “prestigiatori” che troviamo alla stazione, quelli, per intenderci, che fanno il gioco delle tre carte. Asso vince, asso perde, dove sta l’asso? Eh dove sta l’asso?

L’asso ce l’ha nella manica il Sindaco Enzo Falco che oramai ha capito che è a capo di un gregge di pecore a cui non serve neanche il cane da guardia ma solo qualche promessa sparsa qua e là o qualche briciola di pane caduta dal tavolo dopo che si è pranzato abbondantemente. Ma veniamo ai fatti.

Stamattina il Sindaco firmerà il decreto ai due nuovi assessori che dovranno essere i riferimenti del PD finora anch’esso mortificato dall’ultima nomenclatura dell’esecutivo. I nomi avanzati dal partito di Letta sono Arcangelo Della Rocca e Pierina Ariemma.

In pieno stile gattopardiano la fascia tricolore cambia per non cambiare nulla, prima si vende la giunta mezza tecnica vendendo la figura di Mennillo come tale e poi torna, neanche dopo venti giorni, a formarla in maniera politica, sostituendo di fatto la figura di De Lucia – assessore del PD della prima giunta politica – con quella di Della Rocca e facendo tornare Pierina Ariemma al proprio posto. Verrebbe da pensare che tutta questa macchinazione sia stata fatta solo per accontentare Italia Viva e togliere la nomina di vicesindaco alla stessa Ariemma.

Quindi PD accontentato anche se la figura del Sindaco prende sempre più le sembianze di un clown alle prime armi in un circo fondato su numeri formati da animali.

Questo lo si può evincere anche dalla decisione di chiedere un centro vaccinale per arginare la crescita esponenziale dei positivi sul territorio. Assurdo che un Sindaco non riesca a comprendere che bisogna arginare il contagio con misure restrittive e con ordinanze, anche impopolari, ma che restano in capo alle sue responsabilità ed è assurdo che un Sindaco non si renda conto che per fare il vaccino al Centro Lu.Mo. di Afragola bastano due secondi, visto che i vaccini così come il servizio riescono a rispondere in maniera celere anche alla forte domanda di questi giorni. Quindi come pensa il primo cittadino di arginare la curva del contagio facendo aprire, ammesso che ci riesca, un nuovo centro vaccinale? Ma passiamo di nuovo all’aspetto politico.

Dicevamo PD accontentato e Noi Campani? Bella domanda. Il partito di Mastella, oggi sul territorio ha un nuovo capopolo, viste le deficienze dei consiglieri nel dover trattare con la fascia tricolore si sono fatti dare una mano dal Coordinatore Provinciale Peppe Barra da Cardito. Già ci sono stati diversi incontri tra la fascia tricolore e l’ex sindaco di Cardito e a cosa hanno portato? Finora a zero rappresentanza in giunta. Bel risultato! Ma a Peppe Barra non importa, lui lo fa per una questione di prestigio, è un’altra partita che si sta giocando il coordinatore mastelliano, quella a livello sovracomunale. Infatti l’ex sindaco della città del cardellino, appena varata la nuova creatura di Mastella “Noi di Centro”, ha cominciato a scalpitare per una posizione di rilievo a livello nazionale, tanto è vero che il suo obiettivo si traduce nel posto di candidato alle prossime politiche nel listino bloccato della lista e per fare questo, oltre alle pressioni già cominciate all’indirizzo del leader politico Mastella, ha bisogno, soprattutto, di ostentare autorevolezza nella propria provincia di appartenenza e quindi Caivano, come sempre, visto che si ritrova dei consiglieri deboli, può cominciare proprio a fare al caso del coordinatore provinciale di “Noi Campani”.

Ma alla fine perché i consiglieri mastelliani seppur bistrattati non decidono, come logica e regola politica vuole, di passare, almeno, all’appoggio esterno?

Diceva un noto politico del passato: “A pensar male è peccato ma tante volte ci si azzecca”. E il pensiero, ossia i quesiti, che posso porre io qui stando seduto dietro ad un PC li può porre qualsiasi cittadino: ” Cosa stanno ottenendo in cambio quelli di Noi Campani? O meglio. Cosa ha ottenuto in cambio Peppe Barra?” Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caivano

CAIVANO. Al peggio non c’è mai fine. La “De Gasperi” già al buio, da ieri anche senza caloriferi

Pubblicato

il

CAIVANO – Non si fa in tempo ad evincere un problema e ad evidenziare tutta la scarsità gestionale di quest’Amministrazione che tutti, compreso il Sindaco, si impegnano per fare peggio e far sì che il sottoscritto torni a tessere le loro “lodi”.

Stesso Plesso scolastico, altro problema. All’indomani del mio editoriale (leggi qui) la nostra redazione è stata raggiunta da un’altra indiscrezione: la Dirigente Scolastica Flora Celiento nella giornata di ieri scrive al Sindaco, agli assessori e all’ufficio Tecnico informandoli che nei plessi Don Diana e quello di via Rosselli si sono verificati vari disservizi. Per molte ore il sistema di riscaldamento non è andato in funzione. Al culmine di una giornata di lavoro difficile e disagiata – fa sapere la dirigente – e dopo che vari genitori hanno prelevato anticipatamente i propri figli, alcuni tecnici hanno dichiarato che è prevista l’accensione del sistema di riscaldamento per sole tre ore al giorno.

Nella stessa missiva la Dirigente Scolastica chiede ufficialmente disposizioni impartite in merito all’orario di accensione e spegnimento delle caldaie, in modo da poter fornire le corrette informazioni ai genitori e ai lavoratori della Scuola.

Insomma quella di via Rosselli è un plesso dannato sotto l’egida di Enzo Falco, non solo è privo di energia elettrica, da ieri sono anche senza caloriferi.

Intanto i genitori degli alunni sono costretti a scegliere, per colpa della negligenza politica caivanese, tra l’istruzione e la salute dei propri piccoli e queste sono scelte inaccettabili da parte di chi contribuisce, con i propri soldi, a mantenere salde le casse comunali e i lauti stipendi, anche aumentati, di Sindaco e Assessori.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Il Sindaco preferisce farsi battere le mani dai bambini che ha lasciato al buio piuttosto che pensare agli ultimi.

Pubblicato

il

CAIVANO – È sempre tutto paradossale ciò che avviene sotto l’Amministrazione Falco ma soprattutto è paradossale il comportamento della fascia tricolore al punto tale da domandarsi: “ma ci è o ci fa?”.

La politica non è arte sua e questo si è capito abbondantemente ma soprattutto è a digiuno totale sulla Comunicazione, visto che dalle sue prerogative si evince una confusione esagerata.

È noto a tutti il problema dell’energia elettrica legato al plesso scolastico “A. De Gasperi” di via Rosselli. È da circa un mese che gli alunni della scuola sono costretti a conseguire attività didattica in assenza di energia elettrica con conseguente assenza di riscaldamento e confort. E già questo lo porrebbe nelle ultime posizioni di una ipotetica classifica dei sindaci italiani perché non si può pensare di essere amministrati da gente che non riesce a garantire neanche l’ordinario ai propri concittadini.

Dice: “Ma quello è un problema dell’Enel”. Non fa alcuna differenza visto che la figura istituzionale di un Sindaco lo porrebbe anche al cospetto del Papa se si fa rappresentante di una giusta causa. Siccome ci troviamo dinanzi a chi non ha capito l’importanza del suo ruolo o semplicemente fa finta di non saperlo, giusto per non faticare più di tanto, si è trovata la soluzione di un’installazione temporanea – almeno si spera – di un gruppo elettrogeno generatore di energia elettrica che potesse consentire agli alunni della De Gasperi di continuare ad esercitare il proprio diritto allo studio in piena efficienza energetica. Continuando a sperare che anche questa soluzione non sia la solita somma urgenza con affidamento diretto, visto che sull’Albo Pretorio molto spesso per “distrazione” ci si “dimentica” di pubblicare atti.

Ma intanto, oltre al fatto che nessun amministratore si è domandato che tipo di inquinamento – sia atmosferico che acustico – un attrezzo di questo tipo genera, il Sindaco Enzo Falco, come se nulla fosse mai successo in quella struttura, ieri preferisce anche presenziare ad una mostra sul recupero artistico dei tessuti nell’ambito del progetto europeo SERR sulla sostenibilità ambientale tenutosi proprio all’interno della Scuola De Gasperi, rinunciando ad essere presente e delegando l’Assessora Tonia Antonelli, all’approvazione del Bilancio dell’Azienda Speciale delle Politiche Sociali.

Come se Caivano non fosse già trattata come la Cenerentola dell’Ambito sociale, il Sindaco ha pensato fosse stato meglio farsi battere le mani dai bambini che ha lasciato, per altro, al buio e al freddo piuttosto che curare gli interessi degli ultimi caivanesi. Ma questo può essere anche un altro discorso se solo non si fosse trattato di bambini ma di adulti che al primo intervento della fascia tricolore le avessero chiesto: “Mi scusi Sig. Sindaco ma lei stamattina è qui per risolvere il problema dell’energia elettrica?”

Siamo sicuri che se il primo cittadino avesse saputo di correre questo “rischio” avrebbe preferito approvare di persona il bilancio dell’Azienda Speciale per le politiche sociali.

Purtroppo per i caivanesi, le scelte politiche sono prese in base alle priorità che ognuno di noi interpreta e l’interpretazione che il Sindaco ha delle sue priorità la lascio ai nostri lettori.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, allerta meteo: scuole chiuse domani 22 novembre

Pubblicato

il

A causa dell’avviso di allerta meteo di colore arancione diramato dalla Protezione Civile, che si estenderà da mezzanotte alle 23.59 di domani, 22 novembre, il sindaco di Caivano Enzo Falco ha disposto la chiusura delle scuole su tutto il territorio per domani. A breve seguirà l’ordinanza di chiusura.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy