Resta sintonizzato

Santa Maria Capua Vetere

Bimbi picchiati all’asilo: denunciate maestre

Pubblicato

il

Le insegnanti tratte in arresto sono di un istituto privato di Casapulla e sono residenti in diversi comuni del Casertano. Una di loro ha 25 anni, le altre sono 50enni. Le indagini attraverso intercettazioni ambientali e riprese video, hanno dimostrato le violenze sui bambini.

I piccoli, come riportano La Repubblica e ilcorrieredelmezzogiorno.it, venivano gettati giù dalle brandine durante il riposo pomeridiano. Schiaffi, urla, bimbi imboccati con violenza durante il pranzo o lasciati soli a piangere. Le indagini sono partite nell’autunno scorso, quando la madre di due bambine che frequentano la scuola avrebbe denunciato ai carabinieri i presunti maltrattamenti subiti dalle figlie.

I carabinieri hanno così avviato le indagini e messo all’interno delle aule delle telecamere. Le immagini hanno mostrato i maltrattamenti subiti dai piccoli.

Tre insegnati di una scuola privata del Casertano sono stati messi agli arresti domiciliari poiché accusati di maltrattamenti sugli alunni. Ieri mattina i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare emessa dal G.I.P del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta di questa Procura della Repubblica con la quale è stata applicata la misura degli arresti domiciliari nei confronti di tre insegnanti di un istituto privato della provincia di Caserta, nei cui confronti, ribadita la presunzione di innocenza, sono emersi gravi indizi del reato di maltrattamenti aggravati poiché in concorso tra loro, mediante reiterate condotte di violenza, fisica e psicologica, nonché gravi omissioni nella cura ed assistenza, maltrattavano sistematicamente gli alunni loro affidati.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Santa Maria Capua Vetere

Roberta torna a casa: era precipitata dal balcone a Santa Maria Capua Vetere

Pubblicato

il

La piccola Roberta che lo scorso 22 marzo è caduta dal balcone è fuori pericolo dopo due settimane di ricovero. La piccola era caduta dal terzo piano e le sue condizioni erano gravi rendendo necessario l’intervento dei sanitari del 118 che l’hanno trasferita d’urgenza all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. La bambina ha successivamente ricevuto le cure del Santobono di Napoli.

Continua a leggere

Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere, bambina di 11 anni precipita dal balcone

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri, a Santa Maria Capua Vetere, una bambina di 11 anni è precipitata dal balcone della sua abitazione, situata in una traversa di via Martiri Cristiani. A renderlo noto è Edizione Caserta.

La piccola sarebbe caduta dal terzo piano, precipitando da un’altezza di circa dieci metri. Le sue condizioni sarebbero apparse gravi sin da subito rendendo necessario l’intervento dei sanitari del 118 che l’hanno trasferita d’urgenza all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Al momento, tuttavia, la prognosi resta riservata.

Sul posto sono giunti anche i Carabinieri che dovranno ricostruire la dinamica della vicenda facendo luce su quanto accaduto. Nessuna pista può essere esclusa ma, almeno per il momento, l’ipotesi dell’incidente risulta quella più probabile.

Soltanto poche settimane fa un simile dramma si era consumato nel Napoletano, precisamente a Quarto Flegreo, dove un bambino, di soli 3 anni, era precipitato dal secondo piano della sua abitazione. Si sarebbe sporto probabilmente per riuscire a guardare suo fratello che si trovava di sotto. Anche in quel caso si era resa necessaria la corsa in ospedale: trasportato prima al Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli era stato poi trasferito al Santobono di Napoli.

Continua a leggere

Cronaca

Santa Maria Capua Vetere, persona investita dal treno, morta sul colpo

Pubblicato

il

Una persona è stata investita da un treno in corsa alla stazione di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano. Al momento ancora non si conoscono i dettagli della tragedia né le generalità della vittima.

Dalle prime ricostruzioni pare che la persona si trovasse all’altezza del passaggio a livello di via Avezzana.

Subito sono giunti sul posto i soccorsi che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della vittima. I treni sulla tratta per Cassino sono al momento sospesi in attesa del ripristino della circolazione ferroviaria su tutta la tratta per consentire le operazioni di recupero della salma.

Le autorità dovranno stabilire se si è trattato di un incidente o di un gesto volontario. Dalle prime testimonianze raccolte dagli inquirenti pare che la persona sia stata vista intenzionata ad attraversare i binari in bici, prima del tragico impatto.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante