Resta sintonizzato

Volla

Volla, rapina una donna: arrestato 43enne di Caivano

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Poggioreale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Nazionale per la segnalazione di una rapina.
I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato che, poco distante, un uomo aveva fermato una persona la quale, poco prima, aveva aggredito fisicamente una donna per poi rapinarla della sua borsetta.
Gli operatori hanno bloccato il rapinatore identificandolo per P.S., 43enne di Caivano con precedenti di polizia, e lo hanno arrestato per rapina e lesioni personali; infine, la borsa è stata restituita alla vittima.

Volla

VOLLA: falliscono il furto di un’auto e finiscono in manette, arrestate due persone

Pubblicato

il

I carabinieri non hanno potuto “salvare” il lunotto posteriore di quell’auto parcheggiata in Via Aldo Moro. Hanno però evitato che quel veicolo fosse portato via. Grazie agli svariati servizi predisposti sul territorio, i carabinieri della sezione radiomobile di Torre del Greco hanno arrestato Igor e Valentino Ahmetovic, 21 e 29 anni, entrambi di origini casertane.

Avevano appena spaccato il vetro posteriore di una fiat punto parcheggiata sotto l’abitazione del proprietario e quando hanno avvistato la pattuglia sono fuggiti. Sulla loro auto hanno percorso diversi chilometri, fino a quando i militari hanno sbarrato loro la strada in via nuova delle brecce, oltre il confine di Volla, già nel capoluogo campano.

Sono finiti in manette per tentato furto e trovati in possesso di attrezzi per lo scasso. Sono ora in camera di sicurezza in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Volla

Volla, bimba disabile, la denuncia della mamma: “La scuola non vuole mia figlia alle gite”

Pubblicato

il

Attraverso un video lanciato sui social, una mamma di una bambina disabile di Volla, nel Napoletano, ha lanciato un grido d’aiuto denunciando una vicenda gravissima. Come racconta la donna stessa nel filmato, la scuola avrebbe annullato due gite, alle quali avrebbe dovuto partecipare la bambina, per non assumersi la responsabilità di una ragazza diversamente abile nonostante sua mamma si sia offerta di fare da accompagnatrice.

Clelia frequenta la terza media – dice la mamma – hanno organizzato due gite, una di un giorno e l’altra di tre giorni. Una l’hanno cancellata per non portare anche mia figlia, nonostante io la facessi da accompagnatrice. Anche la gita di tre giorni. Mi hanno preso in giro, organizzando una gita per lei, i bambini sono tutti uguali. Sono anni che mia figlia non fa nulla, né un progetto e né una gita. Mi hanno detto che mia figlia non è idonea. Aiutatemi“.

Clelia frequenta la terza media – dice la mamma – hanno organizzato due gite, una di un giorno e l’altra di tre giorni. Una l’hanno cancellata per non portare anche mia figlia, nonostante io la facessi da accompagnatrice. Anche la gita di tre giorni. Mi hanno preso in giro, organizzando una gita per lei, i bambini sono tutti uguali. Sono anni che mia figlia non fa nulla, né un progetto e né una gita. Mi hanno detto che mia figlia non è idonea. Aiutatemi“.

Continua a leggere

Cronaca

Bomba esplosa a Volla, danneggiati veicoli e vetrine di un palazzo

Pubblicato

il

Una bomba ha distrutto due veicoli e le vetrine di uno stabile a Volla, in provincia di Napoli. L’esplosione nella tarda serata di ieri, 1 febbraio, poco prima della mezzanotte, nella I traversa Pietro Nenni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della sezione Radiomobile di Torre del Greco per le indagini, non risultano feriti.

Il boato è stato chiaramente avvertito anche a Cercola e nel quartiere napoletano di Ponticelli. L’ordigno, artigianale, secondo le prime risultanze sarebbe stato fatto esplodere in un cassonetto della spazzatura. Lo scoppio ha danneggiato un’automobile e un furgone che erano parcheggiati poco distante e mandato in frantumi alcune vetrate degli edifici vicini. Tra le ipotesi maggiormente accreditate, quelle dell’attentato intimidatorio; nel corso delle indagini i carabinieri hanno ascoltato i proprietari dei veicoli; si tratta di due incensurati, è verosimile che automobile e furgone non fossero l’obiettivo della bomba.

Ulteriori accertamenti sono in corso per capire se l’attentato fosse indirizzato a uno dei residenti degli stabili vicini. I militari stanno verificando se l’area è coperta da sistemi di videosorveglianza, pubblica o privata, che potrebbero avere ripreso chi ha piazza l’ordigno.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante