Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

Jorit. Nuova opera a “La Reggia Designer Outlet”: sarà venduta all’asta

Pubblicato

il

Una gigantografia di Frida Kahlo, donna simbolo di forza ed emancipazione femminile, un’icona dallo stile inconfondibile. E’ l’opera inedita realizzata dall’urban artist di fama internazionale Jorit, visibile fino al prossimo dicembre presso La Reggia Designer Outlet di Marcianise. 

L’artista in poco meno di una settimana ha dato vita alla pittrice messicana con bombolette spray di ogni colore, nell’ambito di un progetto più ampio che coniuga arte, moda e impegno sociale.

Frida per me incarna l’artista a tutto tondo che unisce alla sua ricerca pittorica un’esperienza di vita intensa e un messaggio sociale. In Frida arte, vita e rivoluzione sono un tutt’uno e vanno a formare quella irripetibile storia che è diventata simbolo e poi mito. Se Frida è oggi un’icona è perché ha superato quella barriera che voleva le donne nel mondo dell’arte messe in secondo piano, relegate ad un rango minore. Frida donna, ma ancor più artista, è tra gli artisti più importanti di sempre e tra i miei cinque preferiti in assoluto”, ha spiegato Jorit.

L’opera, realizzata per il gruppo McArthurGlen, sarà messa all’asta e il ricavato devoluto in beneficenza a Medici Senza Frontiere.

Io stesso mi sottrarrò mille euro dal mio compenso per donarlo, al di là se l’opera verrà venduta o meno, quindi chi ha la possibilità si faccia avanti“, ha affermato Jorit. La base d’asta è fissata a 5000 euro.

Campania

Pompei apre all’alba: solstizio d’estate nel suggestivo sito archeologico

Pubblicato

il

Una passeggiata al mattino presto è una benedizione per l’intera giornata

(Henry David Thoreau)

E quale miglior modo di iniziare l’estate scorgendo l’alba del solstizio da uno dei luoghi più magici al mondo? Da uno dei luoghi più antichi e suggestivi? Dalla magnifica città sepolta ma allo stesso tempo immortale, il 21 giugno si potrà ammirare l’alba e dare il benvenuto all’estate dalla magnifica Pompei.

Il sito archeologico, infatti, per l’occasione, sarà aperto straordinariamente dalle 4.45. La prenotazione è obbligatoria, con acquisto biglietto su ticketone.it o presso le biglietterie del sito, da venerdì a domenica (orari di sportello/9-17,30), per un numero massimo di 99 persone.

L’ iniziativa è riservata a 100 visitatori al massimo, che accederanno dal varco di ingresso agli scavi di Porta Marina Superiore e sosteranno nella via delle Terme per osservare il fenomeno astronomico che avverrà alle 5,50.

Saranno presenti docenti e specialisti dell’Università della Campania per le informazioni scientifiche, e saranno fornite ai visitatori brochure esplicative.

L’ uscita sarà da da Piazza Esedra. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Scabec Regione Campania e fa parte del cartellone di eventi di “Campania by night estate 2021“.

Nel giorno in cui il sole appare più alto nel cielo, sarà possibile osservare nell’area archeologica di Pompei il sorgere del sole, in asse lungo via delle Terme. I raggi solari, entrando parallelamente a quelli viari, inonderanno le strade (via delle Terme, via di Nola e via dell’Abbondanza), nell’attimo dell’alba di luce, riflettendosi sulle architetture e sui basalti stradali.

Un ciclo che si ripete continuo e sempre uguale, con una variazione di solo mezzo grado, un diametro solare, rispetto a ciò che avrebbero osservato gli antichi pianificatori dell’abitato.

La forma della città, infatti, come era stato già ipotizzato a fine Ottocento, deriva il suo impianto dal movimento del sole e dall’evento solstiziale.

Una caratteristica scientifica e culturale che si riflette nel modo di costruire le città, riscontrata anche in altri siti della pianura campana e che è oggetto di un progetto di ricerca di un gruppo di studiosi e dottorandi del laboratorio Capys dell’Università della Campania.

Continua a leggere

Ambiente

Angelina Jolie posa ricoperta di api. Il motivo

Pubblicato

il

In occasione della giornata mondiale delle api Angelina Jolie ha posato ricoperta di api vere anche sul viso per il “National Geographic”. L’attrice premio Oscar e ambasciatrice presso l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati lo ha fatto per sensibilizzare l’opinione pubblica contro il rischio estinzione.

Angelina parteciperà all’iniziativa dell’Unesco per imparare a diventare apicultrice: “So che sembra che ora sto lavorando con le api ma per me le api, l’impollinazione, il rispetto dell’ambiente, sono tutti connessi al sostentamento delle donne e agli sfollamenti per i cambiamenti climatici”.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Napoli. Porta San Gennaro: restaurato l’affresco di Mattia Preti

Pubblicato

il

E’ stato inaugurato nella mattina di oggi, mercoledì 19 maggio, l’affresco restaurato di Mattia Preti presso Porta San Gennaro a Napoli.

Come ha spiegato il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, sulla sua pagina Facebook, “Questo risultato è stato frutto dell’accordo e collaborazione tra il Comune di Napoli e alcuni operatori privati accomunati dalla voglia di prendersi cura e di valorizzare il patrimonio storico e artistico di Napoli. L’opera ha una storia molto travagliata: il dipinto fu danneggiato a causa del terribile terremoto del 1688 e, nella metà del Settecento, versava in un pessimo stato di conservazione. Alla fine dell’Ottocento si decise di restaurarlo, coprendolo con un composto di albume d’uovo e siero di latte che, combinandosi con il particellato atmosferico, lo rese quasi del tutto illeggibile. L’ultimo restauro risale agli anni Novanta ma, a distanza di quasi 30 anni, la preziosa opera si presentava degradata e annerita per effetto degli agenti atmosferici inquinanti“.

Oggi viene restituita alla città nel suo nuovo splendore. Il progetto è promosso dall’Assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e dal FAI Campania con la collaborazione sul territorio della IV Municipalità” ha continuato il primo cittadino.

Concludendo “L’opera di restauro è stata realizzata grazie al sostegno gratuito di AReN(Associazione Restauratori Napoletani), dell’Associazione Friends of Naples e l’ACEN (Associazione Costruttori Edili Napoli). Un lavoro che non sarebbe stato possibile senza l’affiancamento e l’alta sorveglianza della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli“.

La città di Napoli ha così ritrovato l’affresco del ‘600 realizzato da Mattia Preti che si trova su Porta San Gennaro. Lo svelamento è stato accolto dall’applauso delle istituzioni presenti e dei cittadini accorsi per l’occasione.

Un percorso, quello che ha portato alla conclusione del restauro, che è iniziato nel settembre 2019 con la firma della convenzione che ha dato il via ai lavori che sono andati avanti nonostante la pandemia e le conseguenti norme per evitare la diffusione del contagio. Un accordo che è frutto dell’incontro e della collaborazione tra pubblico e privato con lo scopo di prendersi cura e di valorizzare l’immenso patrimonio artistico e storico di Napoli.

Il dipinto di Mattia Preti su Porta San Gennaro rappresenta la Madonna con i santi Gennaro, Rosalia e Francesco Saverio.

L’opera nacque come ex voto per scongiurare la peste che nel 1656 infestava la città di Napoli e chissà che oggi non possa essere d’augurio e di buon auspicio per il periodo che la città ha attraversato e sta attraversando a causa della pandemia da Covid-19.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante