Resta sintonizzato

Boscotrecase

Campania. Individuato rapinatore seriale

Pubblicato

il

Giovedì scorso gli agenti dei Commissariati di Torre Annunziata e di San Giorgio a Cremano, in seguito ad una attività di indagine, hanno intercettato in via Fossa della Monaca a Trecase un uomo a bordo di un’auto utilizzata per commettere alcune rapine ad una farmacia di Torre Annunziata  il 6 maggio, l’8 giugno e il 14 giugno scorsi nel corso delle quali un individuo armato di pistola si era fatto consegnare gli incassi.
I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato trovandolo in possesso di un marsupio mentre, all’interno del veicolo, hanno rinvenuto un paio di scarpe corrispondenti a quelle utilizzate dal rapinatore; inoltre, presso l’abitazione della compagna a Torre del Greco, hanno rinvenuto due pistole giocattolo prive di tappo rosso e, a casa della sorella a Trecase, hanno sequestrato altri indumenti che, dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza dell’esercizio commerciale e dalle descrizioni fornite dalle vittime, corrispondono a quelli utilizzati nel corso delle rapine.
Un 38enne oplontino con precedenti di polizia è stato sottoposto a fermo di P.G. poiché gravemente indiziato di rapina aggravata che ieri mattina è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ha disposto per l’indagato la custodia cautelare in carcere; infine, il veicolo è stato sottoposto a sequestro.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Il 18esimo di Antonio: festa a sorpresa con gli infermieri in reparto Covid

Pubblicato

il

Quello di Antonio sarà senz’altro un 18esimo compleanno da non dimenticare. Positivo al Covid ha festeggiato con torta, spumante e candeline, nel reparto Covid in compagnia degli infermieri.

E’ stato ricoverato per un’appendicectomia e doveva restare in ospedale per pochi giorni ma poi è risultato positivo al Covid-19 ed ha dovuto così trascorere in reparto anche il suo 18esimo compleanno.

La festa è stata organizzata, a sorpresa, da medici e infermieri che per qualche ora l’hanno fatto evadere dalle giornate tutte uguali di visite e terapie in attesa della negativizzazione e delle dimissioni. Sono arrivati nella sua stanza con torta, candeline e palloncini, gli hanno cantato una canzone di auguri e il regalo, ovviamente, non poteva mancare: gli hanno comprato un braccialetto che lui ha subito indossato.

La storia arriva dal Covid Hospital di Boscotrecase, in provincia di Napoli, il giovane protagonista è uno studente di Castellammare di Stabia che ieri, domenica 30 maggio, è diventato maggiorenne.

Per rendere il compleanno davvero speciale mancava, però, un ingrediente fondamentale: gli amici. E così i sanitari hanno pensato anche a questo aspetto: il ragazzo ha potuto vedere otto amici, tra i più stretti, in due gruppi di quattro.

Lo hanno aspettato nella “Stanza degli abbracci” dell’ospedale dove, grazie alle precauzioni, è possibile incontrare altre persone in totale sicurezza e senza il rischio di contagio. Purtroppo non ha potuto incontrare i genitori, che sono ancora positivi Covid.

La foto della piccola festa è stat pubblicata dalla mamma del ragazzo che ha voluto così, allo stesso tempo, sia ringraziare il personale sanitario sia dare coraggio al figlio.

Continua a leggere

Attualità

Anche al Cotugno nasce la stanza degli abbracci: da oggi malati e familiari potranno rivedersi

Pubblicato

il

Anche l’ospedale Cotugno di Napoli, il primo presidio infettivologico della città, ha allestito una stanza “degli abbracci” per consentire ai parenti di salutare in sicurezza i propri cari ricoverati.

«La condizione di isolamento che si avverte durante il ricovero è estremamente difficile. Offrire questo spazio per poter rivedere i propri familiari, rappresenta un aspetto fondamentale del percorso di cura e di umanizzazione delle strutture ospedaliere» ha dichiarato Maurizio di Mauro, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera dei Colli.

L’area per incontrare i parenti ricoverati è una struttura di biocontenimento, interamente a pressione negativa, è stata installata all’esterno del Corpo G ed è accessibile attraverso percorsi protetti.

Per evitare accavallamenti e assembramenti, inoltre, è stata disposta, dal lunedì al venerdì, una turnazione per consentire ai pazienti, compatibilmente con le condizioni di salute, di poter finalmente rivedere le persone care.

«Nell’area potrà accedere un paziente alla volta, accompagnato da un operatore sanitario e, per circa un quarto d’ora, potrà vedere, attraverso una parete trasparente, due familiari. Il nostro obiettivo è quello di offrire sollievo e speranza a chi è ricoverato. Siamo convinti, infatti, che la guarigione passi anche attraverso la possibilità per i nostri pazienti di beneficiare della vicinanza dei propri cari» ha spiegato di Mauro.

Oggi anche nel Covid Hospital di Boscotrecase è stata allestita una “stanza degli abbracci” con l’obiettivo di poter permettere ai pazienti ricoverati di Covid di poter incontrare i propri familiari.

Continua a leggere

Attualità

ALLARME CORONAVIRUS, dal covid hospital di BOSCOTRECASE: ‘Muoiono uno dopo l’altro’

Pubblicato

il

Altri 5 decessi registrati tutti in una sola volta, a pochi minuti di distanza.

Siamo nel covid hospital di Boscotrecase, unica struttura dell’ASL NAPOLI 3 SUD, che raggruppa i pazienti e malati di 57 comuni dell’area.

Questa notte si sono susseguiti cinque decessi, a causa delle complicazioni dovute alle complicanze del virus: 3 decessi in sub intensiva, uno in rianimazione e l’altro in Medicina.

Un record, come riportato da Il Mattino, quello di questa notte nel nosocomio all’ombra del Vesuvio, che supera anche i decessi al San Leonardo che nelle ultime 48 ore sono stati 4 in due notti.

Il grido d’ allarme viene lanciato proprio da parte del direttore strategico dell’ospedale, Savio Marziani: “Subito lockdown per la Campania. Al governatore De Luca probabilmente o non arrivano i dati reali dagli ospedali o è consigliato male. Occorre una task force, il problema non è più curare il malato ma accoglierlo. Non possiamo vedere morire le persone per strada, nei gabinetti, nelle ambulanze o nelle auto. Bisogna immediatamente occuparsi dell’accoglienza per i malati offrendo loro un luogo dove poterli accogliere, non possiamo farli morire per strada. In un paese civile questo è inammissibile. Il governatore è consigliato male”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante